Get Adobe Flash player

Show di Butler contro i Lakers. Coach Hoiberg: «I 40 punti me li aveva promessi»

jimmy butler chicago bullsÈ ancora la squadra di Jimmy Butler. Questo è quello che continuano a dire a Chicago e proprio nel momento in cui deve dimostrarlo lui non si tira indietro. Certo la stagione di Dwyane Wade sta andando oltre le aspettative (18,1 punti in 30,3 minuti di media), ma è anche vero che l’età si fa sentire e anche lui, come altri nella lega, ha bisogno di qualche serata di riposo, specialmente nei back-to-back.

Contro i Los Angeles Lakers la scena era tutta per Butler, che trascina i Bulls al successo con una partita da 40 punti. «Mi ha detto prima della partita che avrebbe fatto 40 punti e così è stato», ha detto coach Fred Hoiberg, «crede in se stesso e in quello che fa. Ogni notte entra in campo pensando di essere il migliore e la fiducia ti permette di eccellere».

118 a 110 il punteggio in favore dei Bulls, che devono resistere nel finale al ritorno dei Lakers. «Credo che questo sia l’atteggiamento giusto per me. Se non pensassi di essere il migliore sarei uno dei tanti. Anche se Wade non è in campo mi aiuta a pensare da vincente. È un privilegio averlo dalla nostra parte», ha detto Butler.

Mettendo a paragone le partite che LeBron James ha giocato senza Wade a Miami si nota che solo per 3 volte su 55 ha realizzato 40 punti e ci ha messo 14 partite la prima volta che ci è riuscito. Butler lo ha fatto alla prima, dimostrando ancora una volta di essere un leader, forse non nelle prime pagine dei giornali, ma sicuramente nello spogliatoio dei Bulls.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche