Get Adobe Flash player

Lakers annientati dagli Warriors, primo quarto da record per Kevin Love, Clippers sempre in testa

stephen curry triple«Non credo che partite come questa siano l’ideale per il campionato». Questo è stato il commento del Commissioner Adam Silver a seguito della prova di forza dei Golden State Warriors, che distruggono i Lakers 149 a 106 in qualcosa che assomiglia più a un’esibizione degli Harlem Globe Trotters che a una partita di regular season.

80 punti nel solo primo tempo, 47 assist totali, Stephen Curry con 31 punti e 9 assist, Kevin Durant con 28 punti, Klay Thompson con 26 e Draymond Green con 11 assist e 9 rimbalzi. Questi i numeri dei vicecampioni che vendicano la sconfitta subita il 5 di novembre, dopo la quale le hanno vinte tutte (9).

Squadre che si incontreranno di nuovo a Los Angeles nella notte di venerdì, con i Lakers costretti a fare a meno di D’Angelo Russell, out per almeno 2 settimane per un infortunio al ginocchio sinistro.

Serata speciale anche per Kevin Love, che stabilisce il record NBA di punti nel primo quarto (34), avvicinandosi a quello di Klay Thompson (37), che rimane quindi il record di punti realizzato in un quarto qualsiasi. Decisivo per la vittoria dei Cleveland Cavaliers sui Portland Trail Blazers è anche LeBron James, che mette a referto la 44esima tripla doppia in carriera con 31 punti, 10 rimbalzi e 13 assist.

I Los Angeles Clippers continuano a vincere e si sbarazzano dei Dallas Mavericks, la peggior squadra NBA, grazie soprattutto al parziale di 30-6 realizzato tra il secondo e il terzo quarto.

Chris Paul segna 18 punti e DeAndre Jordan 16 con 8 rimbalzi per i Clippers, mentre Dirk Nowitzki realizza 10 punti al ritorno in campo dopo 8 partite di assenza. I Mavs non andavano così male (7 sconfitte di fila) dal 1999, l’anno da matricola del tedesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche