Get Adobe Flash player

Kobe si rivela: «Ecco cosa facevo per mettere contro gli avversari»

kobe bryant lakersQuanto ci sembrano lontani i tempi in cui Kobe calcava il parquet? Tantissimo se pensiamo che purtroppo è oramai già da qualche mese nella sua meritata pensione. E sebbene per il momento non abbia ancora sciolto la riserva sul suo futuro, dice di volersi buttare nel mondo dell’impresa ma ci crediamo poco, e di non avere alcuna nostalgia per il professionismo, anche qui abbiamo il beneficio del dubbio, si può capire sotto sotto che la regular di tutti i giorni gli manca. Eccome se gli manca.

Il Black Mamba ha infatti risposto a delle domande del WSJ dando una serie di consigli tattici su come contenere l’estro dei propri avversari. Si parte da l’«aiutatevi cercando di distruggerli velocemente», in sé abbastanza criptico, a vere e proprie dritte dettagliatissime nell’ambito dei rapporti di forza delle franchigie avversarie:

«Alcune squadre hanno il vizio di fare subito maxi contratti e di lasciare magari chi sta per entrare nella free agency per un po’ di tempo senza notizie sul rinnovo. Ogni volta che ce le trovavamo davanti mi dicevo “ok so cosa dobbiamo fare”. Raddoppiavamo subito la marcatura su chi era in attesa del rinnovo, mentre alla stella ne mandavamo solo uno. Il primo non vedeva una palla per tutta la gara ed iniziava quindi a lamentarsi finendo col discutere con l’altro. In questo modo li minavamo dall’interno. Queste sono piccole cose, ma estremamente utili. Per rendersene conto basta osservare sempre il tuo avversario».

Minuzie che certo non fanno vincere una partita ma aiutano. Kobe che di esperienza sul campo ne ha parecchia potrebbe scrivere un libro di massime sull’argomento. Ma chissà che non tenga per sé le migliori in attesa di rimetterle in pratica…

Una risposta a Kobe si rivela: «Ecco cosa facevo per mettere contro gli avversari»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche