Get Adobe Flash player

Klay Thompson risponde alle critiche: «Sto faticando, ma Durant non c’entra proprio niente»

klay_thompson_warriorsNon basta la vittoria di ieri sui Pelicans per allontanare quelle nubi che si stanno addensando intorno a Klay Thompson, accusato da qualche tempo a questa parte di trovarsi in estrema difficoltà dopo l’arrivo di Kevin Durant. Una polemica creata dalla stampa e nella quale in questi ultimi giorni ci sta sguazzando parecchio, snocciolando una serie di numeri per avvalorare le proprie tesi che vedono sul banco degli imputati le prestazioni del cestista, soprattutto quella contro i Lakers, non all’altezza con quanto fatto nelle ultime tre stagioni dove, come tiratore da tre, era secondo dietro a Curry.

Certo agli inizi della regular sembrano polemiche un po’ pretestuose e quasi autoreferenziali, ma tanto è bastato per fargli saltare la mosca al naso e fargli rispondere piccatissimo durante uno shootaround alle domande di chi glie ne chiedeva conto:

«Se le mie prestazioni dipendono dall’arrivo di KD? Niente affatto, anzi parlarne mi sembra una follia. E lo dico con cognizione di causa: basta vedere l’anno scorso, dove ho faticato per tutte le prime 20 gare, e Kevin nemmeno c’era. Chi pensa che il rendimento di quest’anno sia legato alla sua presenza si sbaglia. E pure di grosso».

«Fare paragoni con l’ultima regular è abbastanza stupido: quest’anno come il passato ho lottato parecchio, poi sono riuscito a dare il massimo. Quindi non vedo differenze… certo ora abbiamo giocatori diversi ma posso garantire che tiro e gioco come sempre. Kevin Durant non c’entra nulla».

E certo l’eccessiva copertura che i giornalisti gli hanno riservato da subito non dipende col suo essere partito titolare dall’inizio:

«Non credo sia possibile, in realtà come franchigia abbiamo sempre tantissima attenzione. Per questo non è un problema: bisogna solo giocare senza dare troppo credito a queste voci, perché se gli dai retta ed inizi a dubitare di stesso dagli inizi sono guai seri. Per il resto mi guardo sempre gli highlights degli avversari per farmi un’idea di chi avrò di fronte. Coi Pelicans posso dire di aver fatto bene».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche