Get Adobe Flash player

Griffin trascina i Clippers alla vetta della Western Conference, i Rockets col miglior Harden battono gli Spurs, Durant eguaglia Jordan

griffin-jordan-clippersLo avevamo detto: forse ci siamo. I Los Angeles Clippers continuano a stupire vincendo la quarta partita di fila, per 111 a 80, contro i Portland Trail Blazers e si trovano soli in vetta della Western Conference con uno score di 7-1. Damian Lillard e compagni mai in partita, con le squadre già lontane nel punteggio già nel primo quarto, sul 61-32 all’intervallo e di fatto con un garbage time esteso a tre interi quarti.

«Quando giochi così in difesa ti diverti un sacco», ha detto Blake Griffin, che chiude con una doppia doppia da 22 punti e 13 rimbalzi, «ci divertiamo a stoppare e anche se qualcuno commette qualche errore c’è un compagno a coprirlo. Giocare a basket così è una figata».

Forse basta sapere che l’unico dei Blazers in doppia cifra è Shabazz Napier, che ha messo una tripla nel finale ed è il miglior marcatore con 11 punti.

Ottimo momento anche per gli Houston Rockets, che si aggiudicano il derby texano con i San Antonio Spurs. 101 a 99 il punteggio finale con Kawhi Leonard e LaMarcus Aldridge che falliscono due facili appoggi nell’ultima azione, che poteva estendere la partita al supplementare.

Il miglior momento della carriera di James Harden, nei numeri, ma finalmente anche nei risultati di squadra. La tripla doppia nella vittoria contro gli Spurs (24 punti, 15 assist e 12 rimbalzi) è la prima nella storia della franchigia con almeno 15 assist e segue una serie di 4 partite con almeno 15 assist e 30 punti, delle quali i Rockets ne hanno vinte 3.

Avanzano in classifica anche i Golden State Warriors, che si impongono in casa contro i Dallas Mavericks 116 a 95. Partita senza storia anche questa, ma in qualche modo storica per Kevin Durant. Per il numero 35 28 punti a referto che gli permettono di eguagliare la striscia di partite consecutive con almeno 20 punti di Michael Jordan: la più lunga di sempre con 72 partite. Nella prossima a Denver proverà sicuramente a superare il più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche