Get Adobe Flash player

Wade, multato per un’esultanza di cattivo gusto contro i Celtics, chiede scusa

bulls-wadeLa partenza dei Bulls è stata ottima. Del resto quando apri la regular con due vittorie, contro Celtics e Pacers, di fronte al tuo pubblico hai motivo di essere soddisfatto. Peccato che poi il passo dall’essere felice al farsi trascinare un po’ troppo dall’entusiasmo è veramente molto breve.

E così è capitato al novello Dwyane Wade che dopo aver firmato l’ultimo tiro da tre contro i Celtics, che poi è stato quella della vittoria, si è lasciato prendere un po’ troppo dall’euforia esultando con un gesto un pesantuccio come quello del “ti taglio la gola”. Certo non era rivolto a nessuno in particolare e significava più che altro “chiudiamola qui”, ma tanto è bastato all’NBA per comminargli una multa salatissima da 25 mila dollari ed una dura ammonizione per il futuro.

Immediate sono state le scuse del diretto interessato che ha cercato in qualche modo di giustificarsi senza riuscire però ad ammorbidire la posizione dell’Association:

«Quando mi hanno chiamato sapevo già cosa volessero dirmi. Oramai conosco bene le dinamiche disciplinari della Lega quindi me l’aspettavo. Certo ho sbagliato ma come ho detto a loro vorrei sottolineare che in quel gesto non c’era nulla di malizioso. Sono stato “pizzicato” mentre facevo una cosa sbagliata, è vero, ma intendevo dire “Sì, è finita” (la partita, ndr). Il gesto va letto più come liberatorio che come minaccia vera e propria. Ma ci sono delle regole da rispettare, quindi quando le infrangi è giusto essere sanzionato. Non discuto. È divertente però che abbia cercato in tutti i modi di non farmi multare ed alla fine ci sono riuscito lo stesso».

Per poi rilanciare le sue scuse ufficiale tramite twitter:

«Voglio scusarmi con tutti i miei giovani fan riguardo al mio gesto. Sono stato preso dall’emozione per via del mio debutto».

L’emozione si sa alle volte gioca brutti scherzi, ma se questo è il prezzo che Wade ed i Bulls devono pagare possiamo dire che per assurdo ci possono anche stare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche