Get Adobe Flash player

Michael Carter-Williams ai Bulls e Tony Snell ai Bucks, una trade che lascia perplessi

Michael Carter Williams BucksSe da un lato è vero che in molti tireranno un sospiro di sollievo alla notizia della partenza di Tony Snell, dall’altro non si può certo capire per quale motivo a Chicago abbiano imbastito questa strana trade con i Milwaukee Bucks per prendere Michael Carter-Williams.

Una scelta per certi versi inspiegabile, qualora dovesse essere confermata l’indiscrezione rilanciata da ESPN, visto che Williams non solo è molto lontano dalla sua buona stagione di esordio coi 76ers, correva l’anno 2013 e finora è stata la migliore in assoluto, ma finirebbe addirittura per rinforzare le fila di quelle guardie che a Chicago si segnalano soprattutto per la scarsità nei tiri dalla lunga distanza.

Il 25enne andrebbe infatti a fare da terza scelta dopo Rajon Rondo e Dwayne Wade, costituendo quindi numeri alla mano uno degli attacchi meno incisivi di sempre. E del resto basta leggere le statistiche che vedono i tre ben al di sotto del 30% a livello di realizzazioni, con cifre non proprio lusinghiere: Rondo guida la fila al 28,9%, segue Wade al 28,4% e chiude proprio Wlliams con il 25,5%… Numeri comunque molto più alti rispetto ai miseri 22% e 17,3% messi insieme dalle altre guardie Jerian Grant e Spencer Dinwiddie.

Capire il perché di questa decisione è al momento impossibile ed in molti si chiedono cosa abbia spinto coach Hoiberg in questa direzione: l’esonero di Thibodeau fu imputato soprattutto alla sua incapacità di rivitalizzare i Bulls in ambito offensivo. Certo nessuno ha la bacchetta magica ma se queste sono le soluzioni proposte permetteteci per il momento di essere scettici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche