Get Adobe Flash player

Vince Carter non ha intenzione di smettere: «Continuo per altri 2 anni»

vince carterDiciamocelo chiaramente: l’ultima regular dopo gli addii di Kobe Bryant e di Tim Duncan ci ha reso tutti un po’ più orfani di una certa idea del basket e di una abitudinarietà propria di quella generazione della fine degli anni ’70. Certo che un ciclo si chiuda è normale, ma permetteteci comunque di rimanerci male e con un pizzico di nostalgia.

Tranquilli però, nonostante tutto una buona notizia c’è, perché un altro come Vince Carter, di quelli che può sicuramente dire la sua sul parquet, ha appena confidato di non avere intenzione, almeno per il momento, di ritirarsi. Niente male per chi quest’anno entra nella sua 19esima stagione e si appresta a compiere 40 anni.

Con i Grizzlies ha ancora un anno di contratto che intende sfruttare a pieno, ma stando a sentire le indiscrezioni se tutto dovesse rimanere così com’è non bisogna escludere un’altra stagione per concludere la propria carriera nell’estate del 2018 con ben venti regular da professionista:

«Amo ancora giocare e ancora non ne ho abbastanza. Capirò quando sarò stufo nel momento in cui non avrò più voglia di allenarmi e di scendere in campo. Ora mi sento in forma e sono contento di prepararmi per quest’anno. L’anno prossimo penseremo al da farsi».

Numeri alla mano, Vince si trova quest’anno come 24esimo nella graduatoria dei cestisti migliori di tutti i tempi e “solo” 1031 punti lo separano dal record dei 25 mila in carriera. Traguardo che oramai sembra utopico ma che lo renderebbe il ventunesimo giocatore ad averlo raggiunto, ma certo con una media di circa 390 punti a stagione, nelle ultime due 384 e 395, pare molto difficile.

Record che invece resta a portata di mano quello del totale di partite giocate in tutta la carriera: calcolando che negli ultimi due anni ne ha giocate 126 se nei prossimi due partecipasse ad almeno 120 supererebbe di due Tim Duncan diventando il settimo in tutta la storia dell’Association ad arrivarci. Conti che però, vale la pena di ricordare, restano sospesi alla condizione che decida di finire la sua carriera nel 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche