Get Adobe Flash player

Porzingis gasato dai nuovi Knicks, Stoudemire spera di tornare

Kristaps Porzingis KnicksNon dovrebbe essere difficile per nessuno immaginare cosa ci sia dietro quel fermento di mercato che ha impegnato in quest’ultimo periodo i Knicks con gli acquisti di Derrick Rose, Joakim Noah e Courtney Lee. L’obiettivo è uno solo: tornare a competere per vincere. Per questo la franchigia guidata dal neo coach Jeff Hornacek cerca di impostare una squadra più statica rispetto al passato grazie all’esperienza di veterani che secondo i suoi piani dovrebbero riuscire a dare quella marcia in più quest’anno.

E a giustificare quella che suona come un’accelerata ci pensa Kristaps Porzingis che svestendo per un attimo il ruolo della matricola si sente in dovere di spiegare per bene quali siano piani ed ambizioni di un gruppo che sa bene dove voler arrivare:

«Bisogna capire bene la situazione. Io sono molto giovane, è vero, ma non possiamo impiegare dieci per arrivare a vincere un campionato. Dobbiamo vincere e subito. Questo è quello che penso. L’arrivo di esperti come loro è un’ottima notizia: con il loro bagaglio e la loro fame di vittoria potremo fare tanto, tantissimo insieme. Devo iniziare a pensare come potrò essergli d’aiuto anche se già da ora so che dovrò dare il 100% di me stesso in campo. Ma se son rose fioriranno, altrimenti vorrà dire che dovremmo riprovarci l’anno prossimo».

«Sono sicuro che Derrick e Noah ci saranno di grande aiuto. Ne ho parlato tanto col coach e siamo d’accordo sul fatto che la staticità, la lentezza, è uno dei nostri maggiori problemi. Con lui, con la sua velocità, con il suo gioco esplosivo, con la sua frenesia durante gli scambi penso potremo vincere tantissime partite. Per quanto riguarda Joakim invece apprezzo tantissimo il suo stile che mi ricorda quello di Robin Lopez con cui mi sono sempre trovato benissimo. Sembra abbia un’energia infinita e se devo dire la verità amo giocare con gente simile in grado in ogni momento di far saltare i nervi agli avversari. Credo si potrebbe creare veramente una buona chimica fra di noi».

Ma le novità non sarebbero certo finite qui visto che nelle ultime ore alcune indiscrezioni di stampa hanno paventato il ritorno di Amar’e Stoudemire dopo la deludente stagione con gli Heat. Una possibilità per nulla smentita dal diretto interessato che anzi, rispondendo alle domande di un cronista, ha mostrato notevole interesse:

«Credo che a New York abbiano bisogno di un centro. Per questo se mi cercassero ne sarei felice, sarebbe una grande opportunità per me. Cerco una squadra che sia da titolo, chi sa che non la trovi proprio lì».

Un’ipotesi da non scartare del tutto visto che con la sua versatilità potrebbe benissimo giocare dietro Noah e Porz oltre che rivelarsi un ottimo investimento a livello di panchina. Free agency a parte una cosa sola è certa: New York sa bene dove vuole arrivare nella prossima regular, vedremo se i risultati ripagheranno le aspettative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche