Get Adobe Flash player

Il GM dei Thunder su Durant: «Per lui era un’occasione unica»

westbrook-durant1Diciamocelo chiaramente, la partenza di Kevin Durant era quasi scontata. Del resto era il pezzo più pregiato della free agency di quest’anno, ma brucia ancora di più a maggior ragione perché è finito da quegli stessi Warriors che hanno sfilato ad Oklahoma la finale di conference nemmeno un mese fa.

Insomma ora i Thunder si trovano in una situazione per nulla invidiabile con la necessita di ricostruire il roster ed il dubbio che anche un altro uomo simbolo della franchigia come Russell Westbrook possa fare le valigie, visto che insistenti voci di corridoio parlano di una trade in vista e di nessuna possibilità di un rinnovo.

Ma nonostante tutto non c’è astio, almeno sentendo le parole del General Manager Sam Presti:

«Sono abituato a questo genere di cose, faccio questo lavoro da tanto. Ma sono contento per lui, questa è una buona opportunità. Apprezzo molto che mi abbia chiamato poco prima che la notizia divenisse pubblica, ma per lui dopo nove anni farsi sfuggire un’occasione del genere sarebbe stato stupido. Lo conosco da tanto e so che ci sarà modo anche di parlarne a voce. Lo rispetto molto per quanto ha fatto e come si è comportato».

Scherzi a parte, che ci sia un po’ di delusione è scontato, del resto i Thunder hanno cercato di tenergli il fiato sul collo finché hanno potuto. Ma ora è il momento di guardare avanti e il futuro non promette niente di buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche