Get Adobe Flash player

Show degli Splash Brothers a Cleveland, Warriors a una vittoria dall’anello

curry thompson warriorsUna risposta secca a chi aveva avuto il coraggio di criticare l’MVP di stagione dopo la prova deludente in Gara 3. Stephen Curry trascina i Golden State Warriors al successo sui Cleveland Cavaliers per 108 a 97 con una prestazione incredibile: 38 punti con 7 su 13 da tre. Ora i campioni in carica hanno l’occasione di conquistare il secondo titolo di fila tra le mura amiche (nella notte di lunedì).

L’altro Splash Brother non è da meno con 25 punti e 4 su 9 da tre e a completare l’opera ci pensa Harrison Barnes (4/5 da tre) che piazza un paio di bombe decisive nell’ultimo quarto che spezzano le gambe ai Cavs.

Per LeBron James si fa dura ora visto che mai nessuno nella storia è riuscito a conquistare il titolo partendo da uno svantaggio di 1-3. James visibilmente innervosito nel finale con tutti i Cavs che non riuscivano a segnare un canestro e gli Warriors che anche quando sbagliavano prendevano il rimbalzo d’attacco con disarmante facilità.

LeBron si è anche scontrato con Draymond Green, che lo provoca dall’inizio della serie e può finalmente essere soddisfatto per aver provocato una reazione. Soddisfazione che però può essere subito placcata visto che la NBA sta analizzando l’accaduto e per lui c’è il rischio sospensione.

«Dobbiamo andare là e vincere una partita poi in casa penseremo a come prolungare la serie», ha sintetizzato James, ma sembra proprio che questa sia stata la vittoria decisiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche