Get Adobe Flash player

LeBron contro chi lo ha sempre criticato: «Adesso pretendo rispetto»

Cleveland Cavaliers at Golden State WarriorsHa aspettato solo poche ore dopo il successo in Gara 7 per poi postare il suo pensiero su Instagram. LeBron James può finalmente godersi il suo più bel titolo, conquistato recuperando la serie finale dall’1 a 3, cosa mai riuscita a nessuno e dominando in campo come non si vedeva da molto tempo. Può godersi il successo e ovviamente togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

Non deve essere facile, anche se sei LeBron James, continuare a giocare con la maggior parte dell’opinione pubblica che ormai ti ha marchiato come “traditore” quando hai deciso di lasciare Cleveland e anche una volta tornato ha continuato a criticarlo definendolo un “perdente di successo”.

«Mi hanno detto di non essere più quello di prima, di aver perso esplosività, di non avere più la leadership, di aver cacciato via giocatori e l’allenatore. Pensavano non avessi più il killer instinct, che non potesse funzionare con Irving, con Love, che non sarei mai riuscito a portare un titolo nella mia città. Ma la novità è che ora non mi frega niente».

Questa la frase che ha accompagnato la sua foto con il trofeo appena conquistato in mano, con un paio di hashtag traducibili con “#QuestoÈPerLaCittà” e “#PortatemiRispetto”.

È il suo momento e un’uscita contro chi lo insulta e sicuramente continuerà a farlo era prevedibile, ma se le continue critiche lo hanno motivato in questo modo, dovrebbe augurarsi che non manchino mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche