Get Adobe Flash player

Raptors annientati e Cavaliers 1-0 in scioltezza

Charlotte Hornets v Cleveland CavaliersNon c’è stata partita in Gara 1. È fin troppo facile sintetizzare il primo atto della serie tra Cleveland Cavaliers e Toronto Raptors, terminato 115 a 84 in favore di LeBron James e compagni. Il vantaggio di 31 punti alla sirena finale è il più largo margine nei playoff della storia dei Cavs che si portano sopra nel punteggio alla fine del primo quarto, possono gestire il match e si permettono il lusso di far riposare i titolare nell’ultima frazione.

Contrariamente a quanto accaduto contro gli Hawks i Cavs non hanno neanche bisogno del tiro da tre e concludono Gara 1 con 7 triple su 20 tentate.

James segna 24 punti, realizzando tutti i primi 9 tentativi dal campo, compresa una schiacciata clamorosa, in soli 3 quarti; Kyrie Irving segna 27 punti, ben 11 giocatori del roster dei Cavaliers vanno a segno e tutti giocano almeno un minuto, in quello che negli ultimi 24 minuti è sembrato poco più di un allenamento.

Nona vittoria su 9 in questi playoff per la squadra di Cleveland, che ora può pareggiare e superare il record di 10 dei San Antonio Spurs (2012). LeBron però resta coi piedi a terra: «Abbiamo un obiettivo e non sono le 9 vittorie. Abbiamo già vinto 9 partita prima, così come ne abbiamo vinte 14 in passato. Arriveranno le difficoltà e noi dovremo essere pronti ad affrontarle».

DeMar DeRozan segna 18 punti, mentre Kyle Lowry, il mattatore degli Heat in Gara 7, viene limitato a soli 8 punti. Anche per Bismack Biyombo è finita la pacchia e dopo aver dominato le ultime partite della serie con gli Heat riesce contro i Cavs a raccogliere solo 4 rimbalzi, chiudendo però con 12 punti e il 100% dal campo.

Facile prevedere oggi un altro 4 a 0 per i Cavs, ma il ritorno di Jonas Valanciunas e magari la spinta dei tifosi canadesi può spingere i Raptors ad una reazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche