Get Adobe Flash player

Eletti i quintetti della stagione NBA, per Anthony Davis 24 milioni persi…

anthony davisCon la regular finita da un pezzo ed i playoff che volgono al termine è tempo di bilanci per molti giocatori, e quale modo migliore se non confrontare obiettivi – probabili o meno – con la nomina dei quintetti All-Nba Team fresca di giornata?

I primi a potersi dire soddisfatti sono i due dei giocatori più mediatici di tutta la lega, unici ancora presenti rispetto al roster dell’anno scorso e finiti per le loro indubbie qualità nel First Team. Parliamo ovviamente di Stephen Curry, nominato all’unanimità come già accaduto per MVP, e LeBron James al suo nono anno consecutivo. Completano la prima squadra Kawhi Leonard, Russell Westbrook e DeAndre Jordan.

Esclusione dolorosissima invece per Anthony Davis che, in tandem con Damian Lillard, ci offre il destro per capire come funzioni il complesso meccanismo delle clausole contrattuali.

Il cestista dei Pelicans dopo aver mancato la nomina ad MVP e la partecipazione agli All-Star Game si era aggrappato sino alla fine al sogno di essere in uno dei tre Nba-Team per far valere la così detta “Rose Rule”, in grado di fargli guadagnare 24 milioni di dollari in più.

Cosa invece riuscita a Damian Lillard, finito nel secondo quintetto, che si porta a casa la bellezza 20 milioni tondi tondi.

Tanta invece la sorpresa per Kevin Durant, finito nel Second Team ma che molti avrebbero visto bene al posto di Kawhi Leonard in cima al podio. Senza nulla togliere allo Spurs forse sarebbe stato meglio preferirgli il fuoriserie dei Thunder, diviso solo da una vittoria dall’accesso alle finali.

Infine è abbastanza facile interpretare lo stato d’animo di Paul George che alla sua collocazione nel Third Team ha risposto cinguettando uno smiley in lacrime dalle risate. Evidente quindi che si aspettasse qualcosa di più, anche perché come si dice di solito chi disprezza compra.

Una risposta a Eletti i quintetti della stagione NBA, per Anthony Davis 24 milioni persi…

  • Anonimo scrive:

    chiaro che vedere DeAndre nel primo quintetto fa rabbrividire, ma centri decenti non se ne trovano tanti. Per il resto non vedo cosa ci sia da stupirsi: Leonard ha disputato una RS nettamente migliore di KD oltre ad essere il DPOY; quanto a PG13 cosa ride? ringrazi invece che hanno messo LeBron da ala grande, altrimenti con il King, Leonard e Durant non stava nemmeno nel terzo quintetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche