Get Adobe Flash player

Warriors a 4 vittorie dal record, Cavs bene senza Irving, vittorie chiave per Rockets, Jazz e Mavs

draymond greenNon ha lasciato strascichi l’unica sconfitta casalinga dei Golden State Warriors, che si riscattano subito battendo alla Oracle Arena i Portland Trail Blazers 136 a 111. 39 punti per Stephen Curry e 13esima tripla doppia stagionale per Draymond Green, autore di 22 punti, con 10 rimbalzi e 10 assist, mentre Damian Lillard è il migliore dei Blazers con 39 punti.

69 vittorie in stagione per i campioni in carica che quindi pareggiano i Chicago Bulls del 1996/97 e i Los Angeles Lakers del 1971/72. Servono ancora 4 vittorie su 5 partite rimaste per conquistare il record assoluto di vittorie in stagione regolare (73).

Bella vittoria anche per i Cleveland Cavaliers, primi ad Est, che nel 112 a 103 sugli Charlotte Hornets mostrano di essere pronti per i playoff nonostante l’assenza di Kyrie Irving. LeBron James sfiora la tripla doppia con 31 punti, 12 assist e 8 rimbalzi e J.R. Smith pareggia il suo record stagionale di 27 punti.

La lotta per i playoff della Western Conference continua ad essere accesa, con 5 squadre in lotta per gli ultimi 4 posti disponibile. Approfittano dello stop dei Blazers le squadre che inseguono, prima fra tutte gli Houston Rockets, che battono in casa gli Oklahoma City Thunder 118 a 110. 41 punti con 9 rimbalzi per l’ex James Harden, ma è fin troppo evidente che la partita è andata in direzione Rockets esclusivamente per mancanza di motivazioni di Durant e compagni.

Stessa cosa vale per i Dallas Mavericks, che vincono 88 a 78 contro i Minnesota Timberwolves già in vacanza. Wesley Matthews con 6 triple e J.J. Barea con 21 punti sono i trascinatori dei Mavs, alla quarta vittoria in fila, ma al momento ancora settimi e non sicuri di accedere alla post-season.

Pari ai Mavs ci sono gli Utah Jazz, che nella notte si sono sbarazzati dei Phoenix Suns col punteggio di 101 a 86. 5 giocatori di Utah in doppia cifra, guidati da Gordon Hayward con 22 punti. Suns a dir poco deconcentrati, che con 21 palle perse annullano qualsiasi velleità di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche