Get Adobe Flash player

La NCAA approva modifiche importanti riguardo ad Draft

ncaa_hsbc7dbcc981-dc55-4037-a193-8617c276655cEra un po’ di tempo che si discuteva della possibilità di operare cambiamenti nel funzionamento del draft e ieri la NCAA ha annunciato due cambiamenti radicali.

Ai giocatori verrà dato un periodo di 10 giorni entro il quale decidere se tornare sui propri passi rimuovendo il proprio nome dalla lista degli eleggibili, e quindi continuare nella lega collegiale, o se tentare definitivamente il salto in NBA. Questa scelta non pregiudicherà la possibilità di ripresentarsi l’anno successivo. Quindi in sostanza il candidato potrà provare l’ebrezza di lavorare con una squadra della massima lega e se non dovesse esserne convinto della sua decisione potrà tornare sui suoi passi senza pregiudicare la sua carriera universitaria.

Cody Mcdavis, membro del comitato di sorveglianza della prima divisione per il Basket maschile, ha spiegato questa scelta come volta «a non penalizzare gli studenti – atleti che vogliono realizzare i loro sogni. Perché parliamoci chiaramente, tutti almeno una volta hanno sognato ad occhi aperti l’NBA e questa proposta consente loro di tentare senza togliergli la possibilità di tornare indietro se non dovessero riuscire».

Nulla da fare invece per un’altra rivoluzione chiesta a gran voce da una buona parte del mondo giovanile, ovvero l’innalzamento dell’età minima da 19 a 20 anni. Negli ultimi tempi si era ventilata questa ipotesi, addirittura il Commissioner Adam Silver aveva espresso apprezzamento per questa idea, ma la speranza che avvenga in tempi brevi è quasi inesistente. E forse è proprio questa la motivazione che ha portato a concedere questa uscita di sicurezza per le tante matricole indecise.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche