Get Adobe Flash player

Durant oscura un ottimo Belinelli, Pistons in serie vincente, Warriors 22-0

kevin durant thunderAnche in una partita in cui non sembra particolarmente ispirato Kevin Durant riesce comunque a trascinare i Thunder alla vittoria. Nonostante 10 palle perse infatti il numero 35 ha il merito di mettere il piazzato del sorpasso e poi i tiri liberi a 4 secondi dalla fine che permettono a Oklahoma City di vincere in casa contro i Sacramento Kings per 98 a 95.

19 punti, 10 assist e 11 rimbalzi per Russell Westbrook, alla terza tripla doppia stagionale, ma gran parte del merito della vittoria va a Steven Adams, che recupera un pallone dalla fondamentale importanza dalle mani di Rudy Gay.

Una vittoria sfumata nel finale per i Sacramento Kings, nonostante una buona prestazione di Marco Belinelli, da 16 punti, con 4 rimbalzi e 2 assist, ma “rovinata” dalla tripla che poteva dare il pareggio che non colpisce nemmeno il ferro.

Ancora una prestazione sottotono per DeMarcus Cousins, che nonostante la doppia doppia da 13 punti e 10 rimbalzi, tira con basse percentuali anche ai liberi (3 su 9). «Non è facile essere grandi ogni partita e nelle ultime 3 DeMarcus era accoppiato a giocatori difficili da fronteggiare», il commento di coach Karl.

Continuano a raccogliere vittorie tra le mura amiche i Detroit Pistons, che dopo aver sconfitto Rockets, Suns e Bucks chiudono la serie di 4 partite casalinghe con la quarta vittoria, contro i Lakers, grazie soprattutto ai 22 punti di Kentavious Caldwell-Pope e ai 18 con 15 rimbalzi di .

Clima sempre più teso in casa Lakers, come testimonia l’episodio in cui Nick Young è stato espulso. A 9 minuti dalla fine, con i Pistons sopra di 29 punti, la guarda dei Lakers ha subito un fallo duro (ma neanche poi tanto) da parte di Anthony Tolliver, per poi aggredirlo con uno spintone più visibile che pericoloso.

«Non mi pare di aver fatto niente di grave, l’ho solo spinto», ha commentato Young, «quando sei frustrato e le cose continuano ad andare male capita di perdere il controllo».

In completo controllo invece i Golden State Warriros, che, come prevedibile, conquistano la 22esima vittoria in fila contro i Brooklyn Nets. 114 a 98 il risultato finale, arrivato grazie a un parziale di 26-10 a cavallo tra il terzo e l’inizio del quarto quarto.

Partita senza strafare di Stephen Curry che chiude con 28 punti e 5 triple, per lui come prendere un caffè. 22 punti per Draymond Green e 21 di Klay Thomposon, mentre per i Nets ottima la prestazione di Thaddeus Young, che mette a referto 25 punti con 14 rimbalzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche