Get Adobe Flash player

Coach Carlisle striglia i suoi Mavs: «Siamo imbarazzanti, da oggi si cambia»

rick carlisle mavsLe 6 vittorie consecutive del mese di novembre sono un lontano ricordo e dopo la vittoria con i Grizzlies i Dallas Mavericks prendono una sonora batosta dai Toronto Raptors, attenuata nel punteggio di 103 a 99 solamente perché la panchina in campo nel “garbage time” riesce a recuperare.

Coach Rick Carlisle a fine partita è furioso e definisce la prestazione dei suoi ragazzi imbarazzante: «Vi avverto, continuando così molti giocatori non resteranno dei Mavs a lungo e ve lo posso promettere». Non ha voluto fare nomi riferendosi a qualche giocatore in particolare.

Non capita molto spesso che un allenatore critichi così duramente e pubblicamente i suoi giocatori e pronte sono arrivate le reazioni. Chandler Parsons ha replicato: «Wow! So che ha firmato un prolungamento di contratto e quindi molte cose qui possono cambiare. Credo però che siamo pagati per giocare e dare il massimo e quando questo non avviene può scappare qualche parola di troppo».

Il leader dei Mavericks Drik Nowitzki, forse l’unico veramente sicuro che non sarà venduto non vuole commentare le parole del suo allenatore: «Non ho niente da dire a riguardo. Credo che l’impegno non sia mancato, abbiamo provato a rimontare ma non ce l’abbiamo fatta. Spero che domani per noi sia una partita migliore».

Zaza Pachulia dà ragione al suo coach: «Sta provando a motivarci toccando i tasti giusti. Ha fatto grandi cose da queste parti e noi dobbiamo starlo a sentire e fare in campo quello che ci dice».

Non è sicuro che Carlisle spingerà per qualche trade a stagione in corso, ma sicuramente, con soli 5 giocatori sicuri del posto per il prossimo anno, l’allenatore ha voluto mandare un segnale chiaro: chi non si impegna fa le valige e va via.

Una risposta a Coach Carlisle striglia i suoi Mavs: «Siamo imbarazzanti, da oggi si cambia»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche