Get Adobe Flash player

VIDEO: La saga di Cuban e DeAndre Jordan diventa un cartone

deandre jordan cartoneChe i Mavs ci fossero rimasti male per il repentino cambio di idea di DeAndre Jordan non è un mistero. Del resto a tenere alta l’attenzione sul caso è stato per tutta l’estate Mark Cuban che ha praticamente bersagliato di insulti DJ sino ad arrivare, alla vigilia dell’incontro tra Dallas e Clippers, a dire che del cestista in questione non glie ne fregasse nulla (in modo un po’ più colorito).

Peccato che poi quando la scorsa settimana c’era veramente la possibilità di mettere la parola fine all’intera vicenda e lasciare parlare il campo, proprio la formazione scelta da Jordan abbia avuto la meglio annichilendo gli avversari con un pesantissimo 104 ad 88. Come a dire parlate ed insultate, noi intanto giochiamo e non raccogliamo le vostre provocazioni.

Un risultato che evidentemente non dev’essere andato giù a Cuban che ha deciso di rintuzzare, ancora una volta, le polemiche del caso con un video fin troppo provocatorio intitolato “DeAndre Jordan, il bamboccio spaventato”. Un cartone animato non proprio lusinghiero che ripercorre le ultime tappe del rapporto tra Mavs e DJ in tono farsesco e soprattutto insultante. Con chiari riferimenti omofobi tra i compagni dei Clippers e ritraendo il cestista più odiato dai Dallas come perennemente in lacrime come fosse, appunto, un bambinone.

Una caduta di stile vera e propria e che travalica i giusti sfottò sull’inaffidabilità di DJ, e sulle pressioni più o meno segrete ei suo colleghi di LA, che costerà sicuramente a Cuban una multa e che dovrebbe suonargli come un campanello di allarme: c’è tutto un campionato da affrontare, basta perdere tempo con queste sciocchezze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche