Get Adobe Flash player

Tensioni tra i Lakers, lite dopo la sconfitta

Kobe Bryant pensieroso per la serata no sua e dei LakersTira una brutta aria in casa dei Lakers, visto che secondo molte indiscrezioni avrebbero litigato tra di loro nel finale della partita contro i Nuggets. I motivi della lite non devono esser cercati troppo lontano, 4 sconfitte di fila parlano da sé, anche se il coach ha cercato con un’intervista al LA Daily News di sminuire l’accaduto e scagionare Kobe Bryant e Julius Randle, due tra principali indiziati.

Per Byron Scott questo nervosismo «è in realtà molto positivo e va bene. Vuol dire che i ragazzi ci tengono, anche se io personalmente vorrei vederli un po’ più combattivi. È inutile fare polemiche sul nulla, sono cose normali in una squadra, il nostro unico obiettivo è fermare l’emorragia il prima possibile», per poi aggiungere incalzato sulla gravità dell’accaduto «è vero. Un paio di ragazzi hanno discusso animatamente sull’ennesima sconfitta. Ma in fondo va bene così: mi sarei inca..ato se li avessi visti seduti in panchina col sorriso sulle labbra a ridere e scherzare. Vuol dire che si preoccupano pure loro, bene così ne usciremo insieme».

Per onore di cronaca bisogna dire che in pochi quest’anno pensano che i Lakers siano una squadra da playoff, a partire proprio da un ex illustre del calibro di Magic Jhonson che ha commentato amareggiato su twitter “Dopo la sconfitta a Denver forse è il caso di iniziare a fare i conti con una lunga stagione davanti a noi”.

I prossimi appuntamenti della settimana con Nets e Knicks non permettono errori dato che in pochi credono nel miracolo lunedì in casa degli Heat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche