Get Adobe Flash player

I numeri e le statistiche degli storici Warriors, Bryant al capolinea…

curry barnes green warriorsLa migliore partenza di sempre in una stagione NBA appartiene ai Golden State Warriros, dopo il sedicesimo successo di fila conquistato contro i Lakers nella notte per 111 a 77. Una partita che in realtà non c’è mai stata, vista l’enorme differenza tecnica e di motivazione tra le due squadre, già dopo il primo quarto terminato sul 30 a 11.

Una striscia vincente impressionante guardando i numeri: Golden State ha vinto 2 partite oltre i 30 punti, come l’intera NBA messa insieme e ha collezionato 167 minuti con un vantaggio di almeno 15 punti, nessuno in NBA ne ha più di 100.

Solo i Knicks del 1998/99 avevano più triple degli avversari in tutte le 16 partite di inizio stagione, ma 199 triple messe a segno contro le 91 degli avversari, sono un numero quasi incredibile, ovviamente aggiunto alle 78 solo di Stephen Curry. Il suo record in una stagione è 286 triple (record assoluto) e siamo solo alla sedicesima partita!

Sono solo una squadra di tiratori? Sicuramente non “solo” visto che hanno già 100 stoppate, contro le 59 subite (meno di tutte le altre squadre della lega).

Si potrebbe continuare con i numeri da capogiro, ma il succo è: chi riuscirà a fermare questi Warriors? Il destino vuole che per eguagliare il record assoluto di vittorie (33) dovranno continuare a vincere fino al giorno di Natale, quando incontreranno i Cleveland Cavaliers di LeBron James.

Da una squadra che ha spiccato il volo a un giocatore che purtroppo sta precipitando: vedere Kobe Bryant alla peggior serata al tiro della sua carriera (1 su 14) con una serie di conclusioni che non arrivano nemmeno al ferro fa male al cuore. «Potevo pure metterne 80, non sarebbe cambiato niente», questo il suo commento.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche