Get Adobe Flash player

Un altro pezzo di storia NBA se ne va

wilt chamberlain 100Avete presente la foto datata 6 marzo 1962 di Wilt Chamberlain che tiene in mano un pezzo di carta con il numero 100? Be credo proprio di si. Bene, l’uomo che ebbe l’onore di scrivere quel numero e una delle pagine di storia più importanti di tutta la NBA è morto ieri a Philadelphia.

Si chiamava Harvey Pollack ed era una vera e propria istituzione nella NBA. Basti pensare che nel 2002 gli era stato consegnato il più alto riconoscimento alla Naismith Memorial Basketball Hall of Fame. Era l’ultimo dipendente ancora in vita della prima lega NBA e ha continuato a lavorare come impiegato fino all’età di 93 anni.

«Ha documentato la storia NBA per 70 anni con una passione incredibile, curiosità e professionalità», ha dichiarato il Commissioner Adam Silver, «Harvey è stato un ambasciatore di questo sport e ci mancherà molto».

Subito dopo la famosa partita del centro degli Warriors Chamberlain contro i Knicks del ’62 era seduto a bordo campo e ha detto a Wilt: «Perché non facciamo qualcosa per mostrare i tuoi 100 punti?», e ha scritto “100” su un pezzo di carta. Il resto è storia.

«Non ho mai fatto qualcosa che non mi piacesse», ha detto Pollack in una famosa intervista, «non mi sono mai alzato dal letto e pensato di andare a lavoro controvoglia. Ho sempre amato tutto quello che ho fatto».

Respect!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche