Get Adobe Flash player

Wizards corsari a Atlanta, Warriors troppo superiori

bradley beal wizardsAtlanta sorpresa in casa dalla formazione di coach Randy Wittman, che vince Gara 1 e diventa così la prima squadra nella storia NBA a vincere la partita di apertura di una serie in trasferta per la quarta volta consecutiva. 104 a 98 il punteggio finale in favore di Washington che tiene nel primo tempo e esce fuori nel secondo grazie soprattutto a Bradley Beal.

Il numero 3 degli Wizards guida l’attacco con 28 punti, ma nel finale abbandona il campo in lacrime in seguito a una distorsione alla caviglia e ora sono da valutare la sue condizioni per Gara 2, in programma nella notte di martedì.

John Wall conclude con 18 punti, 13 assist e 3 stoppate uscendo anche lui acciaccato dalla battaglia. Proprio il play di Washington tranquillizza tutti sulle condizioni fisiche sue e del suo compagno: «Sono un soldato e vedrete che recupererò. Beal? È un soldato anche lui…».

Per gli Hawks inaspettata la prestazione di DeMarre Carroll, che porta a casa 24 punti, ma solo 3 nel secondo tempo. Proprio lui ammette il crollo di Atlanta nella ripresa: «Non puoi fare solo 35 punti in un tempo e sperare di vincere una gara di playoff».

Nell’altra partita troppo il divario tra le due squadre. Il punteggio di 101 a 86 è pure bugiardo, visto che gli ultimi 5 minuti di partita praticamente non sono stati giocati. A condurre le operazioni è il solito Stephen Curry e l’attacco degli Warriors fa il resto, con 13 bombe realizzate su 28 tentativi.

55 punti per i Grizzlies sono stati realizzati dalla coppia Randolph-Gasol, ma è sembrato fin troppo evidente che serve un contributo dagli altri compagni, nella speranza di rivedere Mike Conley in campo prima della fine della serie.

Gara 2 in programma martedì notte, sempre a Golden State.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche