Get Adobe Flash player

Warriors gelati da Conley, Hawks e Wizards sull’1 a 1

mike conley grizzliesGrandi sorprese nella notte NBA e legate come prevedibile a infortuni e recuperi. Da un lato gli Wizards, che fino a ieri erano sul 5 a 0 nei playoff, devono rinunciare a John Wall, il loro play titolare e sono così costretti ad arrendersi difronte ai ritrovati Hawks, dall’altro il ritorno a sorpresa di Mike Conley, con maschera facciale, che guida la partita perfetta dei Grizzlies. Ora entrambe le serie sono sull’1 a 1.

Iniziamo dall’infortunio di Wall, che era dato per titolare fino a poche ore dall’inizio del match, ma che si è visto la sconfitta da bordo campo. Senza di lui sembrava una sconfitta annunciata, ma il 106 a 90 finale non deve ingannare, la partita è stata molto combattuta.

Decisivo è stato il parziale dell’ultimo quarto, vinto dagli Hawks col punteggio di 33 a 17. Per Washington solita partita di Beal con 20 e Ramon Sessions con 21, mentre per Atlanta è decisamente il momento di DeMarre Carroll: per lui è la quinta partita di fila con almeno 20 punti a referto.

Prossimo appuntamento nella notte di sabato e si giocherà a Washington, con un Wall in più.

Il ritorno in campo di Mike Conley ha sorpreso tutti, ma soprattutto ha caricato i Grizzlies dopo la batosta subita in Gara 1. Nella seconda sfida infatti cambia completamente la musica: l’attacco degli Warriors è stato limitato a soli 39 punti nel primo tempo, cosa che non era mai accaduta quest’anno e Stephen Curry a “soli” 22 punti finali, con un misero 2 su 11 da 3.

Con Conley in campo Tony Allen si è potuto concentrare su quello che gli riesce meglio: difendere sul perimetro. I compagni di squadra hanno fatto il resto. Zach Randolph chiude con 20 punti.

Sabato a Memphis i Grizzlies hanno la grande possibilità di portarsi in vantaggio nella serie, assolutamente a sorpresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche