Get Adobe Flash player

Si è svegliato Hibbert, Durant-Westbrook da anello

roy hibbertHa aspettato una serie e una partita, ma in Gara 2 contro Washington finalmente il lungo di Indiana ha fatto vedere di cosa è capace. Roy Hibbert mette a referto 28 punti (record stagionale) con 10 su 13 al tiro, 9 rimbalzi e 2 stoppate e trascina i Pacers sull’1 a 1. In Gara 1 la sua partita si era conclusa con zero punti e zero rimbalzi, ma evidentemente ha capito che senza il suo apporto sotto i canestri, in entrambe le metà campo la sua squadra non può sperare di battere gli Wizards, figuriamoci di arrivare fino alle finali NBA.

L’aspetto che fa preoccupare i tifosi di Washington è che in entrambe le prime due partite della serie negli ultimi minuti l’attacco in pratica smette di funzionare, specialmente vicino a canestro. Anche nella gara di stanotte si sono trovati in vantaggio a 5 minuti dalla fine, ma da quel momento hanno subito un parziale di -7. In Gara 1 il loro vantaggio era più corposo, ma anche in quel caso si sono limitati a tiri dalla distanza.

A preoccupare è anche la partita di John Wall che chiude con soli 6 punti, una palla persa decisiva nell’ultimo minuto e un tiro da 3 sbagliato, sempre nel finale che non prende nemmeno il ferro. Marcin Gortat è chiamato agli straordinari e bisogna ammettere che fa miracoli, concludendo la partita come migliore dei suoi.

Oklahoma City invece non cambia copione e si affida come di consueto alla coppia Durant-Westbrook per battere i Clippers. Russell Westbrook conclude con una tripla doppia e un paio di penetrazioni concluse con schiacciata davvero notevoli, mentre Kevin Durant, che ha celebrato il suo trofeo di MVP prima della palla a due ha il merito di spezzare la partita già nel primo quarto, concluso con 17 punti.

21 dei 31 punti di Westbrook sono arrivati quando la palla è passata esclusivamente nelle sue mani, a conferma di quanto sia un giocatore per così dire “solitario”, ma finché si vince va bene anche questo.

Anche in questo secondo turno pare regni l’incertezza, ma c’è la sensazione che Thunder e Pacers dopo solo una gara abbiano preso le misure agli avversari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche