Get Adobe Flash player

Gli Spurs fanno 50. Ray Allen e Anthony Davis super

anthony davisSan Antonio mette il turbo in vista della volata finale per il primo posto e realizza la striscia di 10 vittorie consecutive, battendo gli Utah Jazz col punteggio di 122 a 104. Manu Ginobili guida la truppa con 21 punti, in una partita che permette agli Spurs di mettere in fila 10 W per la sedicesima volta da quando, nel 1996, Gregg Popovich si è seduto sulla panchina di San Antonio come capo allenatore. Nessuno nella NBA ha fatto meglio in questo periodo.

Con la vittoria di stanotte gli Spurs sono arrivati a quota 50 vittorie in stagione per la quindicesima volta consecutiva in altrettante annate. Il secondo miglior record di una qualsiasi altra squadra è di 2 stagioni consecutive con almeno 50 vittorie, una statistica che rende perfettamente l’idea del lavoro di coach Pop. L’altra buona notizia per San Antonio è la sconfitta dei Thunder, loro diretti inseguitori per il primato della Western Conference.

Protagonista della notte è Anthony Davis, che realizza per la seconda serata consecutiva il record in carriera, mettendo a segno, nella vittoria al supplementare contro i Celtics, 40 punti, 21 rimbalzi, 3 assist e 3 stoppate. È il primo giocatore a realizzare almeno 40 punti e 20 rimbalzi dal 12 gennaio 2012, quando a realizzarli fu Dwight Howard. I progressi di Davis, in questa stagione ma soprattutto negli ultimi mesi, sono impressionanti, c’è solo da immaginare cosa sarebbe in grado di fare con una squadra accettabile intorno.

Nota di merito va all’immenso Ray Allen che si è preso gli Heat sulle spalle per farli uscire da una mini crisi di risultati. Per lui arriva nella notte il record di stagione con una prestazione da 25. Grazie soprattutto ai 14 punti realizzati da Allen nel quarto periodo Miami riesce a battere una delle squadre più in forma del momento: gli Houston Rockets.

Viaggiano a velocità altissima anche i Clippers, che nella notte conquistano la 11esima vittoria consecutiva, superando piuttosto agevolmente i Cleveland Cavaliers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche