Get Adobe Flash player

L’altra faccia della NBA: DeAndre Liggins tagliato dai Thunder, J. R. Smith sospeso

deandre liggins thunderSembra che in questa fase di preparazione la connessione tra giocatori NBA e giustizia si sia intensificata. Dopo le note vicende di Lamar Odom e i provvedimenti dai Suns ai danni di Michael Beasley, ora sono altri due i casi sotto i riflettori dei media. Nella giornata di ieri è stata infatti resa nota la squalifica ai danni di J. R. Smith, reo di aver violato le norme della NBA riguardo la droga. La squalifica di 5 giornate verrà applicata solo quando il giocatore dei Knicks sarà ritenuto idoneo a giocare, quando cioè avrà recuperato dal suo infortunio al ginocchio.

Il farmaco che ha portato alla squalifica non è stato comunicato, come da politica NBA, ma vista l’entità della squalifica non si dovrebbe trattare di qualcosa che altera le prestazioni. Ron Klempner, direttore esecutivo dell’associazione giocatori, ha dichiarato che non verrà messa in atto alcuna azione a riguardo, confidando nella breve risoluzione della disputa.

A far “compagnia” a J. R. Smith c’è la guardia degli Oklahoma City Thunder DeAndre Liggins, che è stato fatto fuori dalla società dopo che su di lui pendono ben 7 accuse per violenza domestica. Liggins è stato arrestato ieri dopo che la fidanzata ha confessato alla polizia un’aggressione subita davanti al loro figlio di 2 anni.

I Thunder hanno dunque comunicato il taglio, rendendo note le accuse di violenza, aggressione a mano armata e sequestro di persona.

Tra le due storie c’è un’enorme differenza, ma una cosa è sicura: quando certi giocatori non sono occupati in partite o allenamenti sembra che perdano la testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche