Get Adobe Flash player

Howard ha scelto: sarà Houston Rockets!

howard rocketsLa telenovela Dwight Howard è finalmente arrivata alla conclusione. Il centro lascia i Los Angeles Lakers e approda agli Houston Rockets.

L’annuncio l’ha fatto lo stesso giocatore attraverso un messaggio lanciato su Twitter. In cui ha unito passato e futuro: «Ho deciso di diventare un giocatore degli Houston Rockets. Sento proprio che è il posto migliore per me, sono entusiasta di entrare a far parte dei Rockets e non vedo l’ora di giocare una grande stagione. Voglio ringraziare i tifosi di Los Angeles e auguro loro il meglio». Il tutto accompagnato dalla nuova immagine del profilo, con indosso già la maglia numero 12 di Houston, e una foto postata da Instagram con il neo compagno di squadra James Harden.

Howard ha anche rilasciato un’intervista a ESPN in cui ha motivato più dettagliatamente la sua scelta. «Sono stato convinto dal progetto. La squadra si è rinforzata con giovani promettenti e mi piace Kevin McHale, un allenatore che può aiutarmi a farmi migliorare ancora. Sono convinto che con i Rockets posso puntare finalmente a vincere il titolo. Questa è la priorità, sono pronto scommettere 30 milioni di dollari!»

Trenta milioni, gli stessi che a Los Angeles erano pronti a offrire in più per farlo restare: un quinquennale da 118 milioni contro gli 88 in 4 anni di Houston. Alla base della scelta dell’ormai l’ex Lakers ci sono questioni ambientali. «A Los Angeles mi sono divertito per la maggior parte del tempo – ha proseguito Dwight – ma forse i tempi non erano giusti per me. Forse 2 anni fa o tra 2 o 3 anni sarebbe stato l’ideale. Questo non vuol dire che Los Angeles è un brutto posto, ma penso solo che è tutta una questione di tempi e di forma quando si parla di basket. Si può mettere chiunque insieme sul campo e si aspetta che loro vincano, ma i giocatori devono adattarsi per avere successo come squadra. Ribadisco che questa è una delle decisioni più difficili che abbia mai dovuto prendere nella mia vita».

Parole da cui emerge anche lo scarso feeling, più volte ribadito, con il coach Mike D’Antoni. In particolare il suo gioco, basato sulla stella Kobe Bryant e sul play Steve Nash. Trascurando così i rifornimenti sotto i tabelloni. E, per la serie “chi di Instagram ferisce, di Instagram perisce”, il Black Mamba ha subito postato una foto di lui abbracciato a Pau Gasol, uno che invece ha deciso di continuare a credere nel progetto Lakers. Il proprio “ringraziamento” per i vani sforzi fatti per convincerlo a restare.

Se a Los Angeles hanno voltato pagina, anche Howard è già concentrato sulla sua nuova avventura. «Per me è un nuovo inizio, l’occasione di scrivere la mia storia. Posso ripartire da zero. Ho lavorato tutta l’estate per rimettermi in forma e non vedo l’ora di cominciare a giocare con Houston».

La telenovela Dwight Howard è quindi giunta ai titoli di coda. In attesa del suo primo ritorno, da avversario, allo Staples Center. L’accoglienza non sarà probabilmente migliore di quella ricevuta quest’anno a Orlando, città da cui si è staccato per approdare con entusiasmo a Los Angeles. Storia di neppure 12 mesi fa, eppure sembra passato un secolo!

3 risposte a Howard ha scelto: sarà Houston Rockets!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche