Get Adobe Flash player

Brad Stevens si presenta a Boston: «Che occasione allenare i Celtics!»

celtics brad stevensVia un 37enne come Kevin Garnett, ormai destinato a Brooklyn, dentro un altro 37enne. Ma con una differenza importante: Brad Stevens non scenderà sul parquet ma dei Celtics sarà il coach. Dopo l’annuncio di qualche giorno fa, il nuovo capo allenatore è stato presentato ufficialmente alla stampa. Alla presenza di Danny Ainge, l’uomo che l’ha voluto portare a tutti i costi a Boston.

Dall’NCAA, dove ha sfiorato 2 volte il titolo con la Butler University, Stevens entra nell’NBA dalla porta principale. Pronto a sedere su una delle panchine storiche delle Lega. Senza paura e con tanto entusiasmo. «Qual è stato il mio primo pensiero? – ha confessato durante la presentazione – Wow, che opportunità, un grandissimo onore e soprattutto un’occasione incredibile per la mia carriera».

Nativo dell’Indiana proprio come Larry Bird, l’uomo simbolo della storia dei Celtics, il nuovo coach è pronto a inaugurare la linea verde voluta da Boston, all’indomani della partenza del vecchio allenatore Doc Rivers finito ai Los Angeles Clippers, ma soprattutto dei tre veterani Kevin Garnett, Paul Pierce e Jason Terry, attesi dai Nets di Jason Kidd. «Qui a Boston mi sento a casa – ha confermato Stevens -, in un gruppo che vede le cose proprio come le vedo io».

E l’intesa con Danny Ainge è apparsa subito perfetta. A conferma, un contratto di ben 6 anni legheranno le 2 parti. Inoltre il General Manager non ha lesinato complimenti al nuovo arrivato: «Mi piacciono come giocano le sue squadre e il suo modo di gestire le partite dalla panchina. In questi anni mi sono spesso affidato anche a lui per consigli utili sui giovani da prendere nei draft».

A Boston più che mai hanno deciso di puntare sul verde: allenatore giovane e squadra giovane, con Rajon Rondo al centro del progetto. Verde come la speranza di tornare subito ai fasti che competono ai Celtics.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche