Get Adobe Flash player

Draft NBA 2013: analisi della Eastern Conference

nbadraft2011Mancano solo 3 giorni al 27 giungo, data in cui avverrà il Draft NBA 2013. Ognuna delle 30 squadre sta in queste ore studiando la strategia, partendo dall’esito della Lottery, che ha premiato i Cleveland Cavaliers come i primi a scegliere. Vediamo nel dettaglio quale potrebbero essere le aspettative delle squadre ad Est per questo Draft, partendo dai campioni:

Heat: la squadra di LeBron si prepara alla cavalcata per il terzo titolo consecutivo e come roster pare sia al completo. Dal Draft spera di trovare qualche buon difensore che potrebbe completare la rosa, come Gorgui Dieng, Jeff Withey o Mason Plumlee.

Knicks: la prima esigenza di New York è quella di ringiovanire la rosa. Il quintetto va bene, ma la panchina, dopo il ritiro di Kidd, ha assoluto bisogno di un innesto. La 24esima chiamata non li vede però favoriti.

Pacers: Indiana ha assoluto bisogno di una guardia che abbia il tiro da fuori, negli altri reparti è messa piuttosto bene. Tim Hardaway Jr., Allen Crabbe e Reggie Bullock potrebbero essere l’ideale.

Nets: il problema della squadra di coach Kidd sono gli ingaggi troppo elevati. La 22esima chiamata potrebbe essere indispensabile per prendere un giocatore da fuori o un giovane.

Bulls: Kentavious Caldwell-Pope, Tony Snell o Jamaal Franklin sono i nomi principali per Chicago, che ha ancora l’incognita Rose e ha bisogno di qualcuno in quel ruolo che dia qualche garanzia.

Hawks: Atlanta è nella situazione ideale, con 3 soli giocatori a contratto, tanto spazio nel monte ingaggi e 2 chiamate al primo giro.

Celtics: Boston è in piena rivoluzione e deve ricostruire il roster partendo proprio dal Draft. Al primo giro sceglierà per 16esima.

76ers: Philadelphia, che non ha una stella dai tempi di Iverson ed è uscita con le ossa rotte dall’affare Bynum, punta tutto su Lucas Nogueira o Shabazz Muhammad.

Bucks: li aspetta una decisione difficile sul rinnovo di Brandon Jennings, Monta Ellis e J.J. Redick. Comunque stanno pensando ad un’ala che sappia anche difendere e potrebbero optare per Tony Snell.

Raptors: Toronto ha scambiato le proprie scelte nell’acquisto di Kyle Lowry e Rudy Gay.

Pistons: Detroit ha bisogno di una guardia e sta puntando su qualcuno da affiancare a Brandon Knight: C.J. McCollum o Michael Carter-Williams.

Wizards: hanno la terza chiamata e punteranno tutto su Otto Porter. In alternativa Anthony Bennett o Nerlens Noel potrebbero fare al caso loro.

Cavaliers: hanno la prima chiamata e un roster che è impossibile da peggiorare. L’unico dilemma e se puntare tutto su Nerlens Noel, che al momento è infortunato.

Bobcats: storicamente non fortunati nelle chiamate, ma hanno un’altra chance come quarti. Avendo disperatamente bisogno di punti, andranno a scegliere Anthony Bennett.

Magic: ultimi nella scorsa stagione hanno la seconda scelta. I nomi più probabili sono Nerlens Noel, Ben McLemore o Victor Oladipo.

Una risposta a Draft NBA 2013: analisi della Eastern Conference

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche