Get Adobe Flash player

Spurs in finale e nella storia

parker spursForse nessuno pensava ad una serie a senso unico e invece gli Spurs battono 4 a 0 i Grizzlies e staccano il primo biglietto per le finali NBA, per la quinta volta nella storia della squadra e per la quarta volta per il trio Duncan, Parker e Ginobili. Escludendo Lakers e Celtics è il primo trio che riesce a conquistare 4 finali con la stessa maglia. Ora la squadra di coach Popovich aspetta la vincente tra Heat e Pacers con i precedenti di buon auspicio: le ultime due finaliste NBA (Lakers nel 2001 e Spurs nel 1999) che hanno vinto la finale di Conference per 4 a 0, hanno poi portato a casa l’anello.

Gara 4 ha come protagonista Tony Parker, che chiude con 37 punti, un record per lui nei playoff. Il francese gioca la serie contro i Grizzlies in modo incredibile e spiega il perché: «Ho fatto un patto a Tim Duncan: gli ho promesso che saremmo tornati alle finali subito dopo la sconfitta contro i Thunder. Penso che anche i compagni stiano dando tutto per lui, si merita un altro anello». Parole che sembrano indicarci che questa sia l’ultima stagione di Duncan.

Quello degli Spurs di Popovich è un ciclo che non è ancora concluso e l’ennesima stagione a questi livelli è un’impresa. «Penso che sia molto difficile rimanere competitivi per anni con gli stessi uomini», ha detto il coach degli Spurs, «ma questa è una conferma dei valori e del carattere dei miei ragazzi, specialmente di quei tre».

Stagione comunque da incorniciare per i Grizzlies che dopo essersi qualificati per la prima volta nella storia per le finali di Conference devono arrendersi, soprattutto dal punto di vista fisico, ma Conley è sicuro: «L’anno prossimo torneremo a giocarci le finali!».

Marc Gasol, che ha dovuto fare gli straordinari visto il calo di Randolph, ha palesato tutta la sua frustrazione, specialmente quando ha colpito il tavolo dei media con entrambe le mani o quando ha protestato con gli arbitri mettendosi in ginocchio, ma a fine gara ammette la superiorità degli avversari: «Probabilmente stiamo parlando della squadra più forte degli ultimi 15 anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche