Get Adobe Flash player

Michael Jordan “mangia allenatori”, Charlotte licenzia anche Mike Dunlap

mike-dunlap 350 250Cosa c’entra Michael Jordan con Maurizio Zamparini. All’apparanza nulla. Eppure, proprio come il vulcanico presidente del Palermo, anche Air Jordan si sta costruendo una carriera da “mangia allenatori”. Di un paio di giorni fa la notizia che i Charlotte Bobcats hanno licenziato Mike Dunlap.

Dopo una sola stagione si chiude nel peggiore dei modi l’esperienza del coach proveniente dallo stato dell’Alaska. La sua prima in assoluto da allenatore capo nell’NBA, dopo una lunga e onorata carriera da assistente, nei college, ma anche nella Lega, con George Karl ai Denver Nuggets dal 2006 al 2008.

Troppo brutta la stagione dei Bobcast per salvare la panchina. Una stagione iniziata benissimo con 7 vittorie nelle prime 12 partite (lo stesso misero traguardo raggiunto in tutta la satgione scorsa dal suo predecessore Paul Silas) e chiusa con la consolazione di 3 successi di fila, 2 dei quali contro squadre già qualificate ai playoff quali Bucks e Knicks.

In mezzo poco altro e il 21-61 finale (e tanti record negativi, su tutti l’appena 42,5 di percentuale al tiro) è servito solo a lasciare agli Orlando Magic il ruolo di peggior squadra dell’anno. Risultati deludenti, ma non solo. Fatali anche un pessimo rapporto con parte del rooster, soprattutto i veterani, mai a loro agio con i metodi d’allenamento e di gestione dello spogliatoio.

Dunlap ha salutato tutti, con modi da signore. «Sono molto orgoglioso dello sforzo e il duro lavoro che i giocatori hanno dimostrato durante tutta la stagione. Non vedo l’ora di iniziare il prossimo capitolo della mia carriera di allenatore». Ma, chi lo conosce bene, giura che il dispiacere per il licenziamento è compensato dalla voglia di lasciare un ambiente non proprio idilliaco. Il suo amico George Karl non ha usato mezzi termini dicendo che il suo ex assistente è partito per le Hawaii appena ha ricevuto la notizia.

Per un Dunlap che va, c’è una Charlotte che resta. Con tutti i suoi grattacapi. Tanto che qualcuno comincia a pensare che il vero problema della franchigia sia rappresentato proprio da Michael Jordan, certamente più a suo agio a regalare magie sul parquet che dietro una scrivania.

Emblematico il fatto che il prossimo allenatore (per ora non ci sono indiscrezioni sui papabili), sarà il 6° da quando Jordan si è insediato a Charlotte nella stagione 2006/07. Prima di Dunlap, la lettera di licenziamento è arrivata a Paul Silas (rimasto dal dicembre 2010 alla fine della scorsa stagione), Larry Brown (dal 2008 a fine 2010), Sam Vincent (stagione 2007/08) e Bernie Bickerstaff, che nel 2007 ha chiuso un’avventura iniziata fin dalla nascita della franchigia, datata 2003.

Cresce ora l’attesa per il toto-allenatore. A chi il compito di provare a scrivere la storia? Cioè portare per la 2ª volta nella sua breve storia Charlotte ai playoff? Più che Air, Jordan dovrà essere Magic…

2 risposte a Michael Jordan “mangia allenatori”, Charlotte licenzia anche Mike Dunlap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche