Get Adobe Flash player

Miami sbanca San Antonio anche senza LeBron. Chi fermerà gli Heat?

Chris Bosh esulta dopo la vittoriaSe dopo la serie di 27 vittorie di fila qualcuno aveva ancora un dubbio che Miami non fosse la favorita al titolo NBA, ora si sarà convinto. Gli Heat offrono la miglior dimostrazione della loro forza: battono San Antonio, a casa loro (dove vigeva un record di 32-4) e per giunta senza LeBron James, Dwyane Wade e Mario Chalmers.

All’AT&T Center, ci ha pensato il terzo “Big Three” a fare la differenza. Chris Bosh si è meritato il titolo di mvp della serata con i suoi 23 punti, ma soprattutto con la bomba decisiva a 1,9” dalla fine. Un piazzato perfetto che ha fissato il punteggio sul 88-86. Al termine di una gara in cui gli Heat hanno vinto soprattutto grazie a un ottimo terzo quarto (31-19) e alla difesa, capace di imbavagliare al meglio Tony Parker e di concedere solo 17 punti a Tim Duncan.

Un successo che dà un segnale importante a tutta l’NBA, se ancora ce ne fosse bisogno. Miami fa 2 su 2 contro San Antonio, la migliore squadra a Ovest e favorita per la finalissima. E anche il modo in cui queste 2 vittorie sono arrivate, la dice lunga. Nella prima partita, giocata in Florida a fine novembre, fioccarono le polemiche per la decisione di Gregg Popovich di lasciare a riposo Duncan, Parker, Ginobili e Green. Assenze che costarono la partita agli Spurs. Stavolta è stato Coach Spoelstra a preservare i suoi gioielli, tutti acciaccati e rimasti negli spogliatoi a guardare la partita. Eppure gli Heat hanno fatto ugualmente il colpaccio.

Pur con qualche rimpianto per la recente sconfitta a Chicago che ha fermato la serie record, Miami continua la sua marcia spedita. E da oggi, ancora di più, parte la domanda: chi può fermare gli Heat?

 

4 risposte a Miami sbanca San Antonio anche senza LeBron. Chi fermerà gli Heat?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche