Get Adobe Flash player

Denver mette ko gli Spurs. Altra vittoria per i record e per il Gallo

Gallinari_Sign_600Per un posto importante nei playoff, per continuare a stabilire primati della franchigia e… per Danilo Gallinari. Sono tanti i motivi che stanno spingendo  Denver verso la fine di una splendida regular season. Con un record di 54 vinte e 24 perse, i Nuggets sono la 3ª forza a Ovest le loro credenziali sono nettamente in rialzo.

Ancora di più dopo l’ultimo successo, il 96-86 rifilato a San Antonio, che da ieri ha mollato agli Oklahoma City Thunder il 1° posto della Conference. Un successo maturato grazie ai 29 punti  di Chandler e ai 28 di Brewer, ma soprattutto a Igoulada che ha piazzato la 1ª tripla doppia della stagione: 12 punti, 10 assist e 13 rimbalzi. Negli Spurs, privi di Parker e Ginobili, neppure Duncan ha potuto molto contro la difesa dei Nuggets.

Il successo su San Antonio ha permesso alla squadra di George Karl, per la verità non troppo soddisfatto della prestazione, di stabilire un primato della storia di Denver. Il computo di vittorie consecutive al Pepsi Center è salito a 21, una striscia che ha superato anche quella delle 20 della squadra della stagione 1984/85.

Per un primato fatto, un altro si avvicina. Ora il bilancio casalingo è di 36-3, il migliore di tutta l’NBA, anche meglio di quello dei Miami Heat. A Denver c’è un 36-5, stabilito nel 1976/77, che potrebbe cadere molto presto. Prima della fine della stagione regolare restano ancora 2 partite da giocare davanti al pubblico amico: domenica 14 contro Portland e mercoledì 17 contro Phoenix, 2 squadre che non vedono l’ora di chiudere un’annata non proprio indimenticabile.

Presentarsi ai playoff con numeri così importanti e, soprattutto, con un campo quasi inespugnabile fanno dei Nuggets una vera mina vagante. Con un motivo in più per provare a puntare all’anello: dedicarlo al Gallo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche