Get Adobe Flash player

Rose, un piccolo passo verso il rientro

derrickrosePer vederlo nuovamente sul parquet a regalare magie ci vorrà ancora del tempo. Intanto Derrick Rose ha mosso un piccolo passo verso il suo rientro all’attività. La guardia dei Chicago Bulls ha assistito dalla panchina alla gara dei suoi compagni, a  Indianapolis, contro gli Indiana Pacers.

Non succedeva dallo scorso 28 aprile, giorno in cui si ruppe i legamenti del ginocchio sinistro contro i Philadelphia 76ers nel corso della prima partita dei playoff della Eastern Conference.

Vestito in borghese – giacca blu chiaro, camicia bianca e pantaloni grigi – Rose ha seguito la sfida dalla panchina a fianco dell’assistant coach Ed Pinckney, incitando i compagni per tutto il tempo. Un supporto che non è servito a spingere la squadra, superata 97-92 nonostante un ottimo Marco Belinelli, autore di 20 punti con un 4 su 5 nelle bombe.

Joakim Noah si è detto entusiasta della presenza di Rose: «È stato fantastico rivederlo in panchina. Immagino sia dura per lui perché vuole giocare, ma noi sentiamo la sua presenza».

Dello stesso parere anche Jimmy Butler: «Derrick vede cose che altri non vedono. Lui è un playmaker e la sua visuale del gioco è un aiuto in più per noi, ci può consigliare dalla panchina, senza considerare l’energia che ci trasmette».

Al termine della gara con i Pacers, ci ha pensato coach Tom Thibodeau a spiegare la presenza di Rose in panchina. «Il lavoro di riabilitazione che sta facendo in questo periodo si concentra soprattutto prima della partita. Decide lui, di volta in volta, se preferisce uscire sul campo per assistere alle gare dei compagni. Se viene con noi in panchina va bene, se non lo fa va bene lo stesso. Deve pensare a guarire, proprio come la squadra deve pensare a migliorare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche