Get Adobe Flash player

Ride Los Angeles, piange New York

Chris_Paul_talks_with_Blake_Griffin_in_Clipper_home_jerseys_sizedAbituate da sempre a essere agli antipodi, non solo geograficamente, Los Angeles e New York stanno vivendo in maniera opposta questa fase della stagione NBA.

Se l’avvio è stato tutto favorevole alla Grande Mela, con i Knicks e i Nets sugli scudi, ora è la “città degli angeli” a sorridere. Non tanto per i Clippers, protagonisti fin dall’inizio, ma soprattutto per merito dei Lakers che grazie a una grande rimonta si stanno prendendo i playoff. Umori opposti per le 4 squadre, confemarti nell’ultimo turno: 2 vittorie per Los Angeles, 2 sconfitte per New York nella domenica appena trascorsa, in cui spiccava il duello tra i Clippers e i Knicks.

Il colpo di giornata è dei Lakers. Per la prima volta in stagione senza Kobe Bryant, fermato dal problema alla caviglia sinistra e dall’influenza, la squadra di Mike D’Antoni si è compattata e allo Staples Center ha regolato i Sacramento Kings per 113 a 103. Ognuno degli appena 7 gialloviola andati in campo ha dato qualcosa in più. Antawn Jamison ha chiuso con 27 punti (5 su 8 da 3) e 9 rimbalzi, Metta World Piece ne ha fatti 22, Dwight Howard ha preso la bellezza di 19 rimbalzi e Steve Nash ha pensato a distribuire 12 assist. I Lakers piazzano la 6ª vittoria nelle ultime 7 gare (36-32 il bilancio totale) e vedono finalmente i playoff a portata di mano.

Ridono anche i Clippers, sempre più leader della Pacific Division con il loro ruolino di 46-21. Troppo in questo momento il divario con i Knicks, falcidiati dagli infortuni e sempre più sfiduciati. Nel 93-80 finale, per i californiani spiccano i soliti 20 punti e 8 assist di Chris Paul, ma anche i 12 punti e altrettanti rimbalzi di Blake Griffin.

Un’unica magra consolazione per i Knicks. I “cugini” di Brooklyn non hanno sfruttato l’occasione per l’aggancio in vetta all’Atlantic Division. I Nets hanno perso un importante spareggio in chiave playoff, battuti in casa al Barclays Center da Atlanta per 105-93. Ottime prove tra gli Hawks di Josh Smith, autore di 21 punti (9 su 14 al tiro), e di Al Horford con 22 punti e 11 rimbalzi. Per la squadra di coach Carlesimo non sono bastati i 18 a testa di Deron Williams e Joe Johnson.

A Est, la corsa per le prime posizioni nella griglia di partenza dei playoff è più che mai aperta. A New York sono in tanti a sperare nella 3ª e 4ª piazza. Boston Celtics e Atlanta Hakws permettendo. Ma soprattutto, fondamentale ritrovare i Knicks e i Nets migliori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche