Get Adobe Flash player

Parker in campo prima del previsto. Ginobili: «Per noi è fondamentale»

tony parkerAd Ovest si gioca una partita fondamentale: il primato in classifica. Per una squadra come gli Spurs è sempre importante concludere in testa la regular season, ma diventa indispensabile in previsione di una finale di Conference contro i Thunder. In una serie di 7 partite avere il vantaggio del campo, per una squadra che in casa è quasi imbattibile, è più di un elemento a favore. Nella corsa al primato i ragazzi di Gregg Popovic devono rinunciare al loro play e leader Tony Parker, fermo per infortunio.

Da quando il francese è fuori gli Spurs hanno vinto 2 partite su 3, ma giocare i playoff con o senza di lui fa tutta la differenza del mondo. Il suo recupero, inizialmente pronosticato di 4 settimane, procede bene e in allenamento i compagni già lo hanno visto correre sul tapis roulant.

Manu Ginobili ha commentato le condizioni del suo compagno da molte stagioni: «Stiamo contando i giorni, abbiamo bisogno di lui al più presto possibile. Vederlo correre per me è già una grandissima notizia, ma al momento stesso voglio che torni in campo quando è al top. Non voglio vederlo zoppicare».

Recuperare da una brutta distorsione alla caviglia, per un giocatore che fa dei cambi di direzione uno dei propri punti di forza non è facilissimo ma gli Spurs sperano che le settimane da 4 diventino almeno 3.

«Quando ti manca uno dei compagni più forti dai il massimo, è una cosa psicologica. Per questo le prime 2 partite senza Tony le abbiamo vinte. Questo però non vuol dire che possiamo andare avanti senza di lui», ha aggiunto l’argentino.

Gli Spurs non si sono sbilanciati e Parker è atteso in campo tra 15 giorni almeno. Si farà di tutto per farlo tornare prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche