Get Adobe Flash player

Stephen Curry ammazza grandi

I Golden State Warriors battono i Thunder subito dopo aver regolato i Clippers. Per il play Stephen Curry due prestazioni super di fronte a due pari ruolo tra i più forti della lega: Russel Westbrook e Chris Paul. Il numero 3 dei Clippers è stato semplicemente annullato su entrambi i lati del campo, mettendo a referto solo 4 punti e concedendone 28. A Westbrook non è andata meglio, con a tabellino un 3/16 al tiro che mostra le difficoltà evidenti.

Ora i Warriors sono quinti ad Ovest, quasi sicuri dei playoff. La statistica che salta all’occhio è che i Thunder avevano vinto 29 partite su 29 in stagione se in vantaggio alla fine del terzo quarto. Golden State era sotto di 3 punti all’apertura dell’ultimo quarto, vinto col punteggio di 28 a 20.

Stephen Curry ora è alla sesta partita consecutiva con almeno 20 punti. In questa stagione aveva messo a segno una striscia di 8 gare consecutive sopra i 20 punti. «Stiamo sorprendendo tutti», ha detto a fine gara.

L’ultimo All Star in maglia Warriors è Latrell Sprewell, nella stagione del 1997 e ora Curry ha ottime possibilità. «Ha il mio voto», ha detto il coach dei Thunder Scott Brooks.

I Warriors sono l’unica squadra ad aver battuto i Thunder, gli Heat e i Clippers in questa stagione. Niente male davvero.

2 risposte a Stephen Curry ammazza grandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche