Get Adobe Flash player

Ai Clippers il derby di LA, i Bulls espugnano Miami

Dalle parti di Los Angeles sono cambiate le gerarchie. Ormai chi dà spettacolo e vince tra Lakers e Clippers sono Chris Paul e compagni, che nella notte si aggiudicano il derby per la seconda volta in stagione. Tra le due squadre di LA restano solamente altre due sfide nella regoular season, il 14 febbraio e il 7 aprile. Da quando i Clippers sono arrivati nella città degli angeli (nella stagione 84/85) solo una volta hanno dominato negli scontri diretti con i loro cugini, nel 92/93, con 3 vittorie a 2.

Chris Paul mette a referto 30 punti e 13 assist, 11 dei quali (ed è un record in carriera) per un canestro facile nel pitturato. Blake Griffin realizza 24 punti e i Clippers mantengono il miglior score dell’intera lega con un 26-8 da incorniciare. L’ex Lamar Odom però non è del tutto soddisfatto: «Potevamo fare meglio. Nel finale abbiamo concesso a Kobe e agli altri soluzioni troppo facili. Oggi per noi era un gran test mentale e l’abbiamo superato».

Gli Heat, primi ad Est, crollano in casa contro i Bulls, semplicemente schiacciati sotto i tabelloni. 48 a 28 è il conto totale dei rimbalzi in favore di Chicago, che mette a referto 19 rimbalzi offensivi, 6 dei quali di Carlos Boozer che realizza 16 punti nel pitturato, 27 punti totali, subito dopo il record stagionale di 31 punti, mercoledì contro i Magic.

«Tutti nello spogliatoio sanno i motivi della sconfitta», ha detto coach Spoelstra riferendosi allo strapotere dei Bulls a rimbalzo, «hanno giocato a pallavolo con noi».

La vittoria dei Nets, contro i Wizards al secondo OT, consegna a Deron Williams e compagni la leadership riguardo agli ultimi secondi. Il piazzato vincente di Joe Johnson è il quarto stagionale di squadra, che ora è la prima della lega nei tiri decisivi per pareggiare o vincere a fil di sirena.

Una risposta a Ai Clippers il derby di LA, i Bulls espugnano Miami

  • Piergiorgio scrive:

    joe johnson sarà anche pagato tanto, forse troppo, però mi sembra che il russo non possa dirsi insoddisfatto delle sue prestazioni..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche