Get Adobe Flash player

Spurs annientati dal rookie Lillard

Quella della notte contro i Blazers è la seconda sconfitta consecutiva per gli Spurs che cedono la prima piazza ad Ovest ai Thunder, che vivono un momento magico. Eroe della partita è la sesta scelta al Draft 2012 Damian Lillard, che alla sua prima stagione NBA ha segnato almeno 20 punti nelle sue prime 13 apparizioni. Nella notte ha registrato il suo record con 29 punti, conditi da 7 rimbalzi e 6 assist.

«Credo che in questa settimana abbiamo giocato da squadra», ha detto Lillard, «quando giochiamo così tutti si divertono e danno il meglio. Ho avuto partite migliori, anche se stasera ho segnato di più. Sono contento, perché stasera serviva una prestazione importante contro gli Spurs». Altra nota di merito per i Blazers va a Nicolas Batum, che malgrado gli 11 punti finali, ha il merito di aver realizzato la tripla a 1:08 dalla sirena che di fatto ha chiuso la gara.

«Nicolas ci ha ucciso», ha detto Popovic a fine gara, «sarebbe andata diversamente senza quella tripla. Complimenti a lui, un tiro importante e molto difficile».

Lilliard ha mostrato tutto il suo repertorio: tiri piazzati, entrate e giocate in velocità. Proprio il coach di San Antonio fa i complimenti alla matricola: «Penso sia un giocatore meraviglioso. Le sue abilità sono evidenti, mi piace il suo atteggiamento, oltre le sue abilità. È molto sicuro di sé, non ha paura del contatto e capisce davvero come approfittare delle situazioni».

Niente male detto da uno dei coach più severi della storia.

Una risposta a Spurs annientati dal rookie Lillard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche