Get Adobe Flash player

Phil Jackson: «LeBron può raggiungere Michael Jordan»

La battaglia a distanza tra la divinità del basket e il giocatore del momento continua. Si tratta di un confronto sulla base di numeri, opinioni e semplici proiezioni, ma a quanto pare appassiona tifosi e addetti al mestiere. Questa volta a parlare è il padre cestistico di Michael Jordan, Phil Jackson, anche lui indiscussa divinità della palla arancione.

Intervistato all’interno della rubrica “Waddle and Silvy Show” su ESPN 1000, l’ex allenatore ha detto la sua su LeBron James: «ha tutte le qualità tecniche e fisiche per raggiungere Michael Jordan. È un giocatore che può giocare in 4 posizioni, in pratica tutte tranne centro. Michael era devastante in tutti i ruoli perimetrali, ma allo stesso tempo aveva più numeri in isolamento. Credo che viste le qualità di LeBron ci sia qualcosa che ancora non ci ha fatto vedere e su cui potrà migliorare ancora».

Anche l’estate di James ha impressionato coach Phil: «è stato decisivo per la sua nazionale alle Olimpiadi e quando doveva inventarsi qualcosa nel finale delle gare non ha mai deluso».

«È complicato giudicarli a distanza di anni, ma posso dire che James ha più numeri in post ed è più concreto quando si tratta di segnare col contatto. Questa è la principale differenza che mi viene in mente. Anche la conduzione di palla a tutto campo è impressionante».

Ancora una volta si tratta di un’opinione personale, ma si è sbilanciato parecchio.

Quello che fa tendere molti in favore di MJ sono i titoli NBA: ben 6 contro 1. Ma James ha 27 anni, uno in meno di Jordan quando nel 1991 ha vinto il suo primo anello.

La sfida è ancora aperta.

 

12 risposte a Phil Jackson: «LeBron può raggiungere Michael Jordan»

  • BlackMamba scrive:

    e se Kobe vincesse il 6° titolo???

  • Warren scrive:

    appunto, scherzi a parte, c’è pure il dettaglio riportato da franz: 3 titoli, se ne va, ritorna, e 3 titoli… ma come si fa a raggiungere una roba simile? manco al cinema… jordan è uno e unico, basta con sti accostamenti blasfemi

  • Warren scrive:

    Jordan è bello ed elegante, James brutto, grezzo e con le gambe storte. Vedete che non sono paragonabili di principio. Come paragonare un albero bello a un albero storto.

  • Never fear,32 is here! scrive:

    A me queste esternazioni non mi sono mai piaciute e neanche commenti che ne derivano ma Jackson ha ragione

  • alessio scrive:

    ma per favore!!! rispetto massimo per il grande coach swift eagle ma di messia della palla a spicchi c è ne stato solo uno e nessuno potrà mai più essercene … il suo carisma il suo temperamento la sua leadership il modo di comunicare la parola “pallacanestro” al mondo intero sono iniminitabili per chiunque altro… condivido anche in pieno il commento di eddy se mj non avesse smesso in quei due anni di titoli ne avrebbe otto ora e non sei … e in più voglio anche ricordare che james a parere mio nell nba di ora molto più mediocre dell nba di allora ha dovuto avere accanto altri due campionissimi come wade e bosh per vincere l anello e non è detto che miami rivinca negli anni a venire … cmq la superiorità di mj non si può basare semplicemente sui titoli vinti ma su ben altro…

  • Eddyredhot scrive:

    MJ è il numero 1 e non si discute se avrebbe giocato il 94&95 adesso di titoli ne avrebbe 8 se non di piu per varie gare 7 con i pistons! Ma poi se lo mangia sia tecnicamente sia in isolamento come dice phil,per non parlare della leadership

  • lore 2324 scrive:

    a briscola o rubamazzo…?

  • dban scrive:

    6 titoli? andiamo phil……

  • Franz scrive:

    Lebron dovrebbe anche smettere un anno e mezzo per motivi personali (Ovviamente non gli auguro disgrazie) e tornare alla soglia dei 32 come se nulla fosse successo e rivincere ancora.Questo fa di MJ una leggenda più di molte delle sue cifre.

  • Sorin Petcu via Facebook scrive:

    speriamo di no!!!

  • Tecnosport Spa via Facebook scrive:

    e Kobe dove lo mettiamo

  • Bum….eccallà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche