Get Adobe Flash player

Il quintetto di Miami

La finale si sta avvicinando, tra 36 ore assisteremo alla prima partita di questa serie e l’equilibrio, almeno sulla carta, la fa da padrone. Tutti i siti specializzati propongono dati e statistiche per arrivare a pronosticare la vincente. Io non vi propongo dei numeri ma vi suggerisco un ragionamento che aiuta a vivere questa finale da un punto di vista tattico. Iniziamo dai quintetti che proporra’ Erik Spoelstra in queste finali:

Shane Battier, Lebron James, Chris Bosh, Dwyane Wade, Mario Chalmers. Questo è quello che ha in mano Spoelstra, e non è affatto poco. Se lo analizziamo con lavagnetta magnetica alla mano non possiamo non pensare a come schierarli difensivamente, visto i vari mismatchs presenti in campo. Credo che Lebron si debba prendere cura di Durant, forse è l’unico modo per far soffrire Durant e limitarlo con la difesa fisica che James potrebbe applicare. Il numero 6 di Miami dovrebbe giocare d’anticipo nel non far prendere palla a KD e poi buttarlo a sinistra, lato debole del completo giocatore di Oklahoma. In attacco il fenomeno di Miami potrebbe aumentare i suoi giochi spalle a canestro (realmente molto poco utilizzate) per costringere il suo difensore (chiunque sia)  a marcarlo sotto canestro. Credo che Lebron abbia un potenziale d’attacco incredibile e, a volte, si limita al contropiede e all’1vs1 in velocità o in isolamento, questo dovrà abbligatoriamente cambiarlo perchè Oklahoma non gli dedicherà un solo difensore.

Wade dovrà obbligatoriamente stringere i denti (si parla di continue infiltrazioni) e tornare “Flash”. Che non sia in grande spolvero lo sanno tutti, ma il coach sa che Wade è essenziale per Miami, è l’unico ad aver vinto l’anello a Miami, deve far vincere la squadra e tutti si aspettano di essere trascinati dalle sue giocate. Bisogna aiutarlo ed essere messo in condizione di giocare nel traffico, nell’1c1 e lanciarlo in contropiede. Si deve esaltare perchè questo è il suo gioco, quasi da playground, quando è in striscia è immarcabile. Il ragazzo è anche un ottimo difensore e il dubbio è proprio questo, come e su chi utilizzarlo? Credo che alla fine si occuperà di Sefolosha e Harden i due che potrebbero fare la differenza per Oklahoma, non dovrà fare troppi falli perchè in queste situazioni se ne potrebbe caricare troppi e risulterebbe menomato. Bisogna considerare che Wade deve arrivare in perfetta forma nel quarto quarto dove il sistema di gioco degli Heat porta un’infinità di possessi nelle mani di Wade. Spoelstra sa bene che metterlo a proprio agio nel gioco ed esaltarlo con le giocate sarà per loro vitale. 

Chris Bosh potrebbe essere l’arma in più per gli Heat (come ha già dimostrato contro i Celtics) che si erano “abituati” ad una sua assenza. Un Lungo anomalo, leggero e con tiro da fuori, difficilmente marcabile da un suo pari ruolo. Certo il mancino potrebbe soffrire l’atletismo di Ibaka, ma potrebbe andare a nozze contro Perkins. Spoelstra sa che Bosh sarà fondamentale per gli equilibri della squadra e se comincerà ad adattarsi a questo “nuovo” ruolo potrà firmare almeno 20 punti a serata. La vera lotta per lui saranno i rimbalzi sotto canestro e farsi rispettare nel pitturato, ma la chiave potrebbe essere quella di farlo partire fuori portandosi dietro il suo marcatore. Il coach sa che le opzioni d’attacco sono limitate e difensivamente non può mollare un centimetro. Prima regola: Bosh non può farsi battere a rimbalzo in difesa, poi viene tutto il resto.

Il quintetto si completa con Battier che ha dimostrato di poter essere un fattore  soprattutto dall’arco, con percentuali sempre crescenti. In difesa il suo compito sarà arduo, gli toccherà Ibaka o Perkins e, nei minuti che sarà in campo, dovrà prima pensare ad una difesa al limite del fallo, cercare gli aiuti dai compagni e proporre raddoppi che possano mettere in difficoltà l’attacco dei Thunder. 1c1 perde da tutti i suoi avversari, deve inventarsi qualcosa per poter arginarli. Verrà cambiato presto.

Per ultimo ci metterei Chalmers che dovrà beccarsi Westbrook, difficilmente marcabile 1c1 in velocità, ma Rio ha dimostrato di poter fermare gli avversari con il suo fisico e con la capacità di cambiare ritmo. Insomma ha messo in difficolta (difensivamente parlando) Rondo, può riuscirci anche con Russell, può farlo saltare soprattutto psicologicamente.

I cambi ci saranno, ma incideranno poco (Haslem e Miller i principali cambi) perchè in certe partite Spoelstra concede praticamente 48 minuti alle sue stelle. Sa che la coperta è corta ma se il gioco lo imporranno i suoi Heat e non cadranno nel ritmo dei Thunder, sa che avrà 2 vantaggi: Lebron e Wade.

5 risposte a Il quintetto di Miami

  • Bostoniano di nascita scrive:

    Ok, a parte la scaramanzia del caso che capisco, diciamo la verità…okc è favorita…LBJ puó dar fastidio a KD vero, ma poi lo paghi in attacco…non credo riesca a marcarlo ed essere fresco in attacco…di sicuro non per 48’…probabilmente l’accoppiamente Wade-Harden è il meno penalizzante..Westbrook-Chalmers…non scherziamo…il play ( o presunto tale ) di Miami uscirà con il mal di testa…Bosh farà uscire un pó Ibaka ma poi nel pitturato si ritroverà solo a dominare Perkins…vero c’è Shane ma non credo possa garantire una difesa per 48′ e sette gare…
    Viceversa…Sefolosha marcherà Wade e gli renderà la vita difficile ( oltretutto è mezzo acciaccato ) e sappiamo che è lui l’ago della bilancia di Miami…Kd su Lebron, e anche se fa 50 pti non vince da solo…harden non avrà particolari compiti difensivi e sarà lucido in attacco come Westbrook…e le loro scorribande faranno la differenza alla lunga…questione lunghi…beh…Bosh sarà presi da Ibaka o Collison ma non credo faranno molta fatica…

  • Nitrorob scrive:

    ah e cmq se perdono è solo colpa del giornalista NBA (non mi ricordo il nome) che sui pronostici ha detto OKC vittoriosa in 7!!
    l’ultima volta che l’ha detto era a favore degli Spurs!!ahahah

  • Nitrorob scrive:

    Mi dispiace ammetterlo da tifoso Thunder, ma se Miami fa quello che deve fare sarà dura per OKC!
    Credo quasi per certo che il punto debole sia Westbrook (nonostante sia migliorato parecchio in questi playoff) quando chiude la vena spara a casaccio e butta via palloni, non so fossi Spoelstra lo farei marcare da Wade!! perchè anche secondo me a Chalmers lo fa scemo (dici che ha messo in difficoltà Rondo?? a me pare che Rondo era l’unico dei Boston ad andare costantemente in doppia doppia se non tripla!!
    KD sarà marcato a vista da LBJ, spero che KD ci stupisca resistendo a LBJ, ma la vedo dura! a Durant non piace tanto avere uno appiccicato costantemente!
    il problema è la continuità, OKC si esalta nel 4/4, quindi se non partono male poi hanno tutto da guadagnare! (vedi le utlime 2 partite di regular giocate, una vinta di più di 10 punti e l’altra persa di 3 ma dopo un recupero incredibile)
    mentre gli Heat si spengono (vorrei vedere se LBJ resiste 48 minuti vs Durant che corre come una gazzella) se sfrutteranno questo (magari con Harden) allora hanno delle possibilità!
    e poi devono avere costanza! devono fare 5 partite al massimo delle loro prestazioni, chi cederà prima??
    cmq punto debole OKC = Westbrook, arma in più (aparte i soliti) = Sefolosha e Fisher!!

  • Prince Mascio scrive:

    Ma dai su… Westbrook gli fara girare la testa a Chalmers.. Ha preso le misure a Parker… Con Chalmers ci gioca al “fratellone con la lecca-lecca” … Penstrazione arresto e tiro a go go… Di LBJ fisso su KD x forza se Miami vuole provare a giocarsela mi sembra il minimo.. Costringere Durant psicologicamente ad essere ingabbiato o preso 1 vs 1 da Lebron è l’ UNICA vera speranza degli Heat e Spoelstra lo sa… Qualsiasi altra soluzione difensiva è da considerarsi nulla.. Se lasci 1 metro a Durant o ti purga lui o manda dentro Harden e Westbrook che solo Wade puo limitarli… Giocando abbastanza lontano da canestro KD porti fuori anche il loro miglior rimbalzista che è Lebron…Come la metti la metti è sempre un 3vs 2 x i piccoli di Okc… Nel reparto lunghi è vero che proverà l uscita dal pitturato di Bosh e puo essere un importante chiave offensiva secondo me… ma ce sempre Ibaka su di lui con Perkins a farla da padrone visto LBJ inpiegato su KD( speriamo xke al monento è l’anello debole del quintetto Thunder)… OKC sapendo del crollo di James nel 4/4 giocherà a mille da subito e nei momenti chiave sarà l’esperienza immane di Fisher a scandire la partita…e la difesa di Sefolosha sia su LBJ nei primi quarti che su Wade a 8 min dalla fine…ripeto o Spoelstra limita KD sfruttando 48 min di difesa INTENSA di LBJ ( consapevole del fisiologico calo di LBJ se impiegato costantemente su di lui) oppure signori in 5 partite rischiano di decidersi ste finals…

  • massimo scrive:

    lascia stare…….non c’è speranza……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche