Get Adobe Flash player

Capolinea Spurs: i Thunder campioni dell’Ovest

Dopo anni di attesa Scott Brooks e gli Oklahoma City Thunder sono finalmente riusciti a vincere qualcosa e a portare Kevin Durant a una sola serie dalla realizzazione del suo sogno di vincere l’anello o forse è Kevin Durant che è riuscito finalmente a far vincere qualcosa ai Thunder. Per la prima volta da quando la franchigia si è trasferita da Seattle giocherà una finale NBA (era il 1996 quando i Seattle Supersonics affrontarono i Bulls di Jordan).

C’era inevitabilmente il pubblico delle grandi occasioni alla Chesapeake Energy Arena, la vittoria a San Antonio ha dato enorme fiducia ai sostenitori dei Thunder che in 18.203 spettatori sono accorsi per vedere la propria squadra scrivere un’importante pagina della propria storia. Attore principale, neanche a dirlo, il solito Kevin Durant che al termine della sua serata porta alla causa dei Thunder 34 punti (9/17 al tiro) e 14 rimbalzi (nonché 5 assist, 1 palla rubata e 2 stoppate) nella vittoria per 107-99 contro San Antonio. A coadiuvarlo un Russell Westbrook da 25 punti (9/17 dal campo), 8 rimbalzi e 5 assist.

Ma non sono stati tutte rose e fiori per Oklahoma che anzi è partita a handicap ritrovandosi sin da subito a dover inseguire (dopo meno di 5′ di gioco gli Spurs erano già sul +7). Ma il peggio doveva arrivare, gli Spurs sono partiti forte, forse troppo scavando un solco importante tre le due squadre, +14 a fine primo quarto (34-20), +15 a metà gara (63-48) dopo aver toccato un massimo vantaggio di 18 punti. Salvo poi perderli tutti perdendo la seconda metà di gara con un parziale di 36-59.

Scott Brooks ha affidato definitivamente le chiavi dei Thunder a Durant che a fine serata non sarà mai uscito dal campo, 48′ di basket NBA, 2 ore e 28 minuti di partita (considerate anche le pause). Durant ha agguantato l’ultimo rimbalzo, superato la metà campo, alzato il pugno al cielo e chiamato a sé l’ovazione del pubblico, giusto coronamento ai suoi sforzi. Ma la festa per Durant è iniziata anche prima, quando, con 14″ alla fine e Harden sulla lunetta è andato ad abbracciare la madre e il fratello seduti a bordo campo.

“[Durant] E’ in un momento incredibile, gioca benissimo e non avevo alcuna intenzione di farlo uscire. Non so quante volte mi abbia guardato stanco. Ne ha abbastanza, tutti i ragazzi ne hanno abbastanza per giocare tutta la partita. Devono solo combattere la stanchezza.” – Scott Brooks, head coach Thunder

“Non do nulla per scontato, mi sono goduto quei momenti. Ma ora abbiamo davanti un altro difficile passo da compiere” – Kevin Durant

Parker ha chiuso la sua serata con 29 punti (12/27 dal campo) e 12 assist ma non è bastato agli Spurs per evitare la quarta sconfitta consecutiva dato che solo 8 punti e 2 assist sono arrivati nella seconda metà di gara. Non sono bastati neanche i 25 punti (11/23 dal campo) e 14 rimbalzi di Duncan e i 23 di Jackson (6/7 da 3 punti!!!) ad evitare la clamorosa eliminazione per San Antonio che diventa la quindicesima squadra nella storia NBA a uscire dopo essere stata avanti 2-0.

“Non abbiamo nulla da recriminare. Abbiamo avuto una grande stagione ma semplicemente non potevamo battere questi ragazzi.” – Manu Ginobili

E’ stato un parziale di 11-2 ad inizio terzo quarto che ha permesso ai Thunder di tornare i sotto agli Spurs ma hanno preso il comando della gara solo con 9:35 ancora da giocare ottenendo 9 dei loro primi 13 punti dalla lunetta come conseguenza di un avvio disastroso degli Spurs che hanno accumulato 6 falli difensivi e 3 offensivi nei primi 7 minuti dell’ultimo periodo di gioco. Anche a Durant, forse per la prima volta in stagione è stato chiamato uno sfondamento su Ginobili.

Fisher e Harden con 2 triple hanno poi portati i Thunder sul 99-93 con 3:13 ancora da giocare, mentre nell’ultimo minuto Jackson (che fino a quel momento aveva fatto segnare un 6/6 dal perimetro) prima e Parker poi hanno sbagliato le triple del possibile 102-103.

Comunque vada, Boston o Miami che sia, durante le finali NBA, Oklahoma avrà il teorico vantaggio di giocare in casa gara 1 (quindi di convesso un’eventuale gara 7) martedì prossimo.

31 risposte a Capolinea Spurs: i Thunder campioni dell’Ovest

  • Prince Mascio scrive:

    Ennesima genialata di un certo Sam Presti….

  • Nitrorob scrive:

    Guarda io stimo molto Fisher! ok non è un talento nato! è sempre stato in secondo piano! ma cmq ha guidato i Lakers (guidato in senso figurativo) insieme a Kobe e Shaq a 5 titoli! è sempre rimasto nell’ombra! ma quando serviva lui era la! umile non si è mai lamentato (e poi ha un sacco di problemi familiari porello) alternava grandi prestazioni a partite orrende! però io credo che un buon giocatore non lo è solo in campo (o sbaglio?) mi è piaciuta un sacco il pezzo in gara 5 quando ad un time out Fisher dalla panchina ha preso i ragazzi del quintetto e ha fatto la parte dell’allenatore (non si sa cosa gli ha detto) credo tattiche e cavoli vari! però il bello è che erano tutti la in cerchio ad ascoltarlo! lui l’ultimo arrivato, il vecchietto del gruppo! eppure Durant Westbrook Harden ecc ecc stavano la e lo ascoltavano!
    io credo che aiuti parecchio avere un giocatore cosi in campo! e poi dai quando c’è lui il secondo quintetto ha migliorato parecchio! sono proprio contento dell’acquisto! (scartato a mani basse dai Lakers per Sessions, bha!!)

  • marco baraldi scrive:

    Nitrorob, mi trovo d’accordo e non ci avevo pensato. Effettivamente anche la presenza di Fish risulta determinante anche se in difesa è ormai quasi inguardabile. Il suo peso nello spogliatoio credo si senta anche perchè è l’unico, oltre a Perkins ad aver assaggiato e vinto le finali.

  • Nitrorob scrive:

    Ok allora spero che non faccia la fine di qualche individuo arrestato o perso nella droga! (non parlo di Kobe, ma in generale)
    se tutto va bene diventerà il futuro della lega!
    vediamo come si comporterà nelle finali intanto!!! (cosa nuova per tutti i thunder, Perkins, Fisher a parte)

  • Bostoniano di nascita scrive:

    No raga, l’anno prossimo c’è anthony davis che sa gia come fermare kobe….presto fermerà KD…ahahahahahahahahahahahahah….
    KD è senplicemente inarrestabile…

  • @Nitrorob, io tifo Bulls e purtroppo so sarà molto difficile per noi nei prossimi anni e sicuramente dopo aver recuperato Rose bisona migliorare l’ attacco con un ag che fa punti detto ciò, il mio può sembrare entusiasmo ma non lo è, io tendenzialmente sono piuttosto cauto nei giudizi ma con questi Thunder mi sono già esposto in tempi non sospetti perchè era già da un pò che li tenenvo d’ occhio, così come Durant, ed il bello del basket è che guardando le partite si vede tutto in tempo reale, si può capire ogni piccolo dettaglio e non c’è niente di criptico, è tutto sotto i nostri occhi, poi c’è l’ imprevisto è da un tifoso capisco l’ accortezza, però che i thunder fossero maturi per il tittolo era molto evidente. Com’ è evidente che l’ unica cosa che potrebbe fermare la luminosa cariera di KD potrebbero essere solo infortuni o brutte esperienze fuori dal campo, ovvio che questo nessuno lo può prevedere.

  • nitrorob scrive:

    Ezio con me sfondi una porta aperta! te l’ho detto io sono tifosissimo Thunder e in particolare KD! però mi sembrava azzardata quell’uscita!tutto qua!:-)
    cioè è giusto farsi prendere dall’entusiasmo (e io sono il primo) ma bisogna anche rimanere un pò con i piedi per terra! è un grande giocatore senza dubbio! e se continua cosi avrà un futuro d’oro! (a 23 anni sono già 3 anni che domina la classifica marcatori, dove prima Kobe faceva terra bruciata)
    però ancora è nel momento che può sbocciare o colare a picco! io per scetticismo aspetterei prima di vedere la finale!:-)
    la mia più grande paura è che se non vincono il titolo poi i Thunder non hanno i soldi per rinnovare Harden!! e senza di lui se ne va una fetta importante della squadra!

    @marco baraldi, non so se è come dici te! ma sono sicuro (e non sono l’unico che l’ha notato) che da quando c’è Fisher in squadra (uno che cmq è stato con Kobe una vita e ha vinto tanto) tutta la squadra ne abbia beneficiato! mi ricordo le prime partite dove giocava si e no 5 minuti! ora arriva a 15 tranquillamente! e fa muovere la squadra come prima non facevano!non so KD, ma Westbrook e Harden ne hanno beneficiato sicuramente

  • @Marco Baraldi, ne aveva 20 non 23 eheheh, beh comunque Magic è un’ altro calibro da 90 ovviamente, io mi riferisco tendenzialmente alla nba più moderna, fine anni 80 da quando è iniziata l’ invasione straniera e le squadre hanno iniziato ad essere più tattiche etc.. ed in effetti ero troppo giovane ai tempi lol

  • marco baraldi scrive:

    Sarebbe interessante capire se il buon Maurice Cheeks, grande play di Phila anni 80, sconfitto per ben due volte (anche nel 1982) dai Lakers di Kareem e Magic, ed ora assistente di Brooks a OKC, abbia trasmesso qualcosa a KD in termini di aiuto alla maturazione, al modo di affrontare con tranquillità e determinazione le partite che contano senza farsi travolgere dall’importanza e dalla pressione che inevitabilmente i grandi giocatori si ritrovano a dover sostenere.
    I grandi del passato, e Cheeks lo è stato, sono convinto siano fondamentali per i suggerimenti preziosi che possono fornire dall’alto della loro esperienza vissuta.

  • Bostoniano di nascita scrive:

    @marco baraldi:
    Stavo per citarlo io…tra l’altro aggiungerei che in quella circostanza in aereo, dopo l’annuncio che Kareem avrebbe saltato la partita successiva, c’era un’aria pesante, lo sconforto era presente in tutti i giocatori, tutti tranne uno…un giovane di soli 20 anni che si alzó, guardó i loro compagni e gli disse:” TRANQUILLI, MAGIC È QUI…”
    Creó una risata stereofonica di tutti, che lo guardarono come a dire “peró è davvero simpatico”…poco dopo palla a due..inizio come centro e finì come playmaker, coprì tutti i ruoli in quella partita con un onnipotenza unica…chiuse con vittoria, portando alla causa 42 pti 15 rim 7 assists e 3 recuperi…
    Wow….

  • @Nitrorob, senza nulla togliere ad Iverson ma KD è di un altro livello , non è azzardato tirare in ballo MJ o Kobe, lui è di quella pasta lì e questi thunders, se rimangono uniti, possono essere i “Bulls moderni”, non è solo perchè sono arrivati in finale ma è come, sappiamo tutti che ai playoof l’ esperienza conta, embè loro , come ha giustamente sottolineato Popovich, hanno vinto contro i 10 titoli degli ultimi 11 anni, e quando vinceranno in finale sranno 11 titoli degli ultimi 13 anni ad essere stati sconfitti, è qualcosa d’ impressionante. Inoltre questi Spurs avrebbero asfaltato chiunque quest’ anno, ed è forse una delle migliori squadre che abbia visto negl’ ultimi anni, infatti appena i thunder calavano di un pò mostravano un gioco fantastico, però OKC ha un potenziale enorme e gli Spurs l’ hanno riconosciuto.

  • marco baraldi scrive:

    Scusate se mi intrometto, la mia età forse mi fa vedere le cose in modo differente. Mi spiego meglio, sono d’accordo con tutti Voi che KD in questo momento è da considerare l’MVP per quel che ha fatto in campo, ed anche fuori, vedi dichiarazioni e d interviste. Ma devo correggerVi sul fatto che nessuno a 23 anni abbia mai fatto prestazioni così decisive in totale controllo delle partite.
    Un tale Magic Johnson a 20 anni trascinò, da Rookie, i Lakers alla vittoria del Titolo nel 1980 giocando contro Phila (Doc J, Bobby Jones, Darryll Dawkins, Maurice Cheeks, Lionell Hollins) da Centro in gara 6 in quanto il titolare del ruolo, tale Kareem Abdul Jabbar, si era infortunato durante la precedente gara, con 42 punti, 15 rimbalzi, 7 assists e 3 rubate. Che ne dite??? Ma sono con Voi sulla straordinarietà e la classe che sta dimostrando sempre più di avere KD. Lo stesso Jordan alla sua età non era affatto così dominante, anzi non si poteva nemmeno immaginare quanto poi forte ed unico sarebbe diventato. Ma sulla maturità dei Campioni ognuno ha la sua teoria.

  • Nitrorob scrive:

    si concordo! però è anche vero che ha portato i Phila diverse volte alla finale di conference e nel 2001 (se non sbaglio) alla finale finale!!
    come trascinatore non gli potevi dire niente!:-)
    che poi KD sia precoce e già a 23 anni è uno dei migliori se non il migliore (per me era da mvp, ma verso la fine della stagione ha un pò calato) non ci sono dubbi! io lo dicevo per essere obbiettivi! nonostante sia il mio preferito!:-)
    anzi sarebbe stato bello vedere Kobe Iverson e KD combattere ai tempi d’oro!!!

  • Prince Mascio scrive:

    Concordo con Ezio!

  • Iverson segnava tanti punti faceva spettacolo ma non si avvicina nemmeno al controllo del gioco che ha KD, lui ha il controllo della partita, sempre, segna quando è necessario segnare tiene tutti caldi e concentrati in attacco e difesa, gioca già come un veterano, solo per farti un esempio fresco, gli ultimi due tire li ha fatti fare a Perkins…quanti avrebbero avuto quella lucidità? Questo dice tutto. Dobbiamo solo ritenerci fortunati di poter assistere alla carriera di uno dei migliori di sempre.

  • Nitrorob scrive:

    Bè forse The answer ha iniziato meglio di lui! ma parliamo di Iverson non di uno qualunque! ma cmq KD resta il migliore della lega in questo momento!

  • La frase di Ginobli dice tutto, OKC è una squadra, in questo momento, imbattibile e le partite possono perderle solo loro. Vorrei solo far notare che nessuno a 23 anni ha mai giocato ai livelli di KD, ripeto nessuno nella storia, lui si che è un predestinato, sembra nato per giocare a Basket ed il fisico magro lo ritengo un vantaggio per la sua carriera.

  • La frase di Ginobli dice tutto, OKC è una squadra, in questo momento, imbattibile e le partite possono perderle solo loro. Vorrei solo far notare che nessuno a 23 anni ha mai giocato ai livelli di KD, ripeto nessuno nella storia, lui si che è un predestinato, sembra nato per giocare a Basket ed il fisico magro lo ritengo un vantaggio per la sua carriera.

  • Thunderous 3 scrive:

    Fantastici questo “ragazzini”

  • Nitrorob scrive:

    Hai detto bene Giuseppe! soluzioni varie! è l’unica squadra che vedo che nel giro di una partita cambia la sua tattica come se niente fosse! non hanno paura delle novità o di cambiare gli schemi abituali! se vedono che contro una squadra non va bene quella determinata cosa stà tranquillo che la volta dopo hanno già trovato la soluzione! si adattano ad ogni tipo di gioco senza lamentarsi o frignare! e questo vuol dire tanto sulla loro apertura mentale! tecnicamente facendo cosi troverai sempre il punto debole dell’avversario e bam! colpirai appena possibile!

  • Giuseppe scrive:

    semplicemente sono una squadra
    ha risorse e soluzioni varie…..
    sono una squadra!!!
    altre sono legate alle prestazioni delle prime donne!!! ma non basta.
    bravi
    investire sui giovani si può e non è retorica

  • Esatto, hai centrato in pieno il punto!

  • Nitrorob scrive:

    vabbè divertiamoci allora! 🙂
    dati come eterni secondi in questi Playoff (lo ammetto anche io la vedevo male dopo il 2-0)
    hanno fatto 12W – 3L
    gli Spurs 10W – 4L
    Heat 10W – 6L
    ecc ecc devo continuare?? e poi manco a farlo apposta i Thunder hanno incontrato nel loro cammino tutte squadre navigate esperte e tecnicamente molto più brave! e direi che SOLO 3 sconfitte per questi 23enni è un record incredibile!!
    cmq a Durant ci saranno voluti solo 5 anni, ma vi ricordo che è dell’88!;-) e già l’anno scorso sono arrivati in finale di conference!
    vorrei essere la per festeggiare con loro e con tutti i tifosi!! organiziamo un viaggio per gara 1??;-)

  • Prince Mascio scrive:

    Dopo la rimonta di cuore tecnica muscoli e sacrificio non cè bisogno nemmeno di aggiungere altro alle immagini del campo…
    Voglio solo riportare un cartellone visto ieri al Cheseapeke Energy Arena

    Okc thunder is :
    Young
    Inexperienced
    Not ready
    Not tested

    Not ANYMORE!!!

    Ps: 4-0 e sweep facile degli Spurs (Y)

  • Prince Mascio scrive:

    THE SHOW MUST GO ON!!!

  • Sul fatto della franchigia ok, non l’avevo preso in considerazione, ma per quanto riguarda il gruppo mi sembra molto sbagliato scrivere così.
    A parte qualche rarissimo caso, nessuno aveva mai guidato la propria squadra alle finali così giovane….
    L’intero gruppo è giovanissimo, a parte qualche elemento.

  • Luigi Bicco scrive:

    Stupendo! Una grande impresa.
    Alla faccia di chi li dava spacciati dopo gara 2.

  • Nitrorob scrive:

    50% da 2 55% da 5 80% dalla lunetta! questi sono numeri da campioni!!!
    Durant come detto ha fatto il suo dovere stando in campo 48 minuti!!! mica pizza e fichi!!!
    vabbè inutile aggiungere altro su di lui! c’è ancora chi lo considera un ragazzino viziato!
    Westbrook………………fondamentale questa sera, con una panchina e i 2 lunghi sotto tono lui e Durant hanno guidato questa squadra! Stessi tiri di KD! assist rimbalzi e palle rubate! sapevo che la chiave questa notte era in lui più che in KD!! sono contentissimo di quello che ha fatto!
    Harden il 6° uomo dell’anno punto!
    gli altri sono un pò mancati, (a parte Fischer) però nel complesso c’è anche da dire che Brooks ha utilizzato solo 3 riserve! ha fatto giocare ai titolari più del dovuto giustamente! quindi hanno avuto poche possibilità!
    e devo dire che Sefolosha e Collison stanno diventando parte importante della squadra! sopratutto il primo!
    bè non so che altro dire! sono contentissimo! ne è valsa la pena di stare tutta la notte alzato per guardare la partira!! era dall’anno scorso che aspettavo il riscatto!
    e ora ci siamo! è il loro momento! cerchiamo di non buttare via tutto quello guadagnato fin ora!
    ps. Dallas – Lakers – Spurs KO!! 3 delle migliori squadre NBA! e 2 delle più titolate! meglio di cosi non si poteva fare!;-)

  • Si Giacomo Grosso:
    la franchigia era dal 1996 che non raggiungeva le Finals (allora erano ancora i Seattle Supersonics), i Thunder sono nati nel 2008 ma Durant fu draftato nel 2007 dagli allora Supersonics quindi a KD ci sono voluti 5 stagioni per raggiungere questo obiettivo.

  • Immagino a seattle sia contentissimi!!

  • anni di attesa? :S

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche