Get Adobe Flash player

Una brutta partita di playoffs dopo una splendida serie

Le mani che tremano, la tensione e l’importanza della partita si fa sentire su tutte e due le squadre, punteggio basso. Los Angele Clippers vs Memphis Grizzlies 82-72. A differenza della concomitante finale di eurolega, qui il punteggio basso non è dovuto a difese asfissianti, anzi, ma piuttosto ci sono delle percentuali veramente basse. I Clippers chiudono con il 38% da 2 e con il 23% da 3, mentre i Grizzlies 32% da 2 e 0/13 da 3. Questi non sono numeri da playoffs!

I Memphis Grizzlies non riecono proprio ad approfittare del vantaggio campo. Tutte le sue armi appaiono spuntate e non efficaci come nelle precedenti partite. Solo Rudy Gay e Marc Gasol (19 punti a testa) hanno cercato di rimanere aggrappati ai Clippers che prendevano vantaggio. Il centro spagnolo è stato ammirevole ma ha pensato più all’attacco che all difesa e questo è pesato. Zach Randolph è sparito dal campo, poco protagonista e l’ombra di se stesso (3-12 dal campo) e l’unico che poteva ribaltare il risutato era il sesto uomo O.J. Mayo ma sappiamo che se lui fallisce (1-11 dal campo) i Memphis perdono. Così è stato. Peccato perchè hanno dimostrato di poter valere il secondo turno dei playoffs, ma non hanno fatto tesoro delle precedenti partite della serie dove la loro risorsa doveva venire dalla panchina e non spremendo i titolari che alla settima partita in 15 giorni hanno risentito della fatica.

I Los Angele Clippers hanno ribaltato il fattore campo e guidati dal solito Chris Paul (19 punti e 9 rimbalzi) sono riusciti nell’impresa di passare il primo turno dei playoffs e debbono ringraziare solo il loro play perchè tutti gli altri hanno steccato almeno una partita, lui no. Griffin è sparito, secondo me troppo stanco e non ancora in grado di fare la differenza nella post season, e non riesce ad essere utile alla squadra come invece vorrebbe coach Vinny Del Negro. Tutti gli altri i titolari, Butler, Foye e Jordan hanno delle percentuali al tiro bassissime come tutti i Memphis, ma a differenza dei Grizzlies, sulla sponda californiana la panchina ha svolto appieno la sua funzione. Bledsoe, Martin, Young e Williams in quattro hanno fatto 41 punti contro gli 11 della panchina degli avversari.

Ora per i Clippers ci sono gli Spurs, una squadra completamente diversa da quella affrontata nel primo turno che dovrà essere affrontata in maniera diversa. Tony Parker vs Chris Paul, Duncan vs Griffin, Ginobili vs ??? Forse proprio questo manca ai Clippers, ma abbiamo visto che tutto può succedere. Staremo a vedere.

3 risposte a Una brutta partita di playoffs dopo una splendida serie

  • Danilo Scaffaro scrive:

    Sei troppo buono, come sempre! Solo Paul, Gay e Gasol hanno tirato fuori gli attributi. Poi parliamo sempre di primo turno di playoffs mica di finali!! e Randolph? Blake Griffin che si crede un campionissimo già arrivato? Sono più completi i Memphis ma sono passati i Clippers, tutta una contraddizione.

  • Claudio Imperatore scrive:

    braccino cortissimo per due squadre che avevano tanto da perdere da questa partita..
    era la prima volta che Blake Griffin, Randy Foye e DeAndre Jordan da una parte e Rudy Gay dall’altra giocavano una serie di playoff e questo conta!
    sono convinto che il prossimo anno entrambe saranno ancora più protagoniste

  • che delusione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche