Get Adobe Flash player

New York spera per tre quarti, ma poi si sveglia LeBron James!

Forse distratto dalla presenza di Kate Upton in prima fila, LeBron James per tre quarti ha accumulato palle perse, un paio al limite del comico, e falli tanto da passare buona parte del terzo quarto in panchina. Ma poi nell’ultimo periodo è tornato King James, ha spento le speranze di vittoria dei Knicks ed ipotecato la serie per Miami.

Al Madison Square Garden coach Woodson decide di schierare Novak dall’inizio con Anthony spostato all’ala grande per ovviare all’assenza di Stoudemire. Spoelstra conferma sottocanestro Haslem accanto a Bosh, giunto al Garden appena mezz’ora prima della partita per assistere alla nascita di suo figlio a Miami.

La prima azione della partita è una clamorosa stoppata di Tyson Chandler su Haslem, il modo migliore per festeggiare il premio come Miglior Difensore dell’Anno consegnatogli prima della palla a due. Il primo quarto va via sul filo dell’equilibrio, con James ed Anthony che si sbagliano molto in attacco, mentre sono più efficaci Bosh e Chalmers da una parte e Chandler e Smith, entrato prima del solito, dall’altra. Si segna poco, ed il tabellone dice 19 pari alla fine dei primi 12 minuti.

Il secondo quarto inizia con le second unit delle due squadre in campo, ma entrambe con le polveri bagnate: New York trova comunque qualche punto da Bibby e Fields, mentre Miami dovrà aspettare sei minuti prima di riuscire a segnare un canestro. I Knicks allungano fino al 40 a 29, ma un sussulto di James ed un canestro di Wade negli ultimi istanti del periodo fanno andare all’intervallo lungo sul 40 a 36.

Il terzo periodo è tutt’altro che spettacolare, con le due squadre che non trovano mai il canestro, ed un LeBron James inguardabile resta in campo solo 4 minuti, quando il suo quarto fallo da la scusa a Spoelstra per toglierlo. New York resterà per lunghi tratti senza fare canestro, e chiuderà il quarto con un misero 3 su 15 dal campo. Miami non fa meglio però, affidandosi quasi esclusivamente al tiro da tre, con Battier che a differenza di gara 2 non trova mai il canestro. L’unico che segna con continuità è Dwayne Wade, che mette a referto 12 punti in pochi minuti e permette ai suoi di chiudere avanti 58 a 56.

Si entra in campo per l’ultimo tempo, ed alla vista di LeBron di nuovo in campo i tifosi dei Knicks si fregano le mani visto la partitaccia giocata fino a quel momento da James: un minuto e 23 secondi dopo nessuno ride più, visto che due triple ed un canestro su rimbalzo offensivo del redivivo numero 6 hanno portato il punteggio sul 66 a 56 per Miami, chiudendo di fatto il match.  I Knicks non hanno la forza di reagire e gli Heat allungano fino al 87 a 70 finale trascinati da un Chalmers mortifero nel tiro da tre..

LeBron James chiude con 32 punti, di cui 17 nell’ultimo periodo, e 8 palle perse, mentre Wade segna 20 punti ed un positivo Chalmers 19; Bosh riesce a mettere insieme 9 punti e 10 rimbalzi nonostante la stanchezza per il viaggio. New York ha 22 punti, ma con 23 tiri, per Anthony, e 12 punti da JR Smith che però nel secondo tempo ha sparato a salve fino a concludere con un pessimo 5 su 18 al tiro; Chandler è stato alla fine il più positivo con 10 punti e 15 rimbalzi.

I Knicks hanno stabilito un nuovo recordo perdendo la tredicesima partita di playoff in fila, non vincono un match da gara 3 con Toronto nel primo turno del 2001, e rischiano seriamente di allungare la striscia perdente. Stoudemire sostiene che in gara 4 ci sarà, c’è qualche speranza anche di recuperare Lin, anche se Woodson era molto scettico sul recupero di entrambi.

3 risposte a New York spera per tre quarti, ma poi si sveglia LeBron James!

  • Daniele scrive:

    Secondo me anche con Lin e Stoudemire non hanno speranze, sono troppo discontinui…

    Peccato perché neanche Miami è gran cosa per ora!

  • Danilo Scaffaro scrive:

    Ma la difesa dei Knicks nel secondo quarto? INCREDIBILE! Se altre squadre la prendessero a riferimento Miami verrà messa in seria difficoltà

  • Alessandro scrive:

    Se davvero quella di Lin fosse una favola io mi immagino il finale! Torna in gara 4 e NY fa quello che nessuna squadra NBA ha mai fatto, ribalta il 3 a 0 e butta fuori Lebron! Peccato che questo non sia un mondo magico ma sia quello reale, se no ci starebbe troppo! Detto questo finirà 4 a 0 con una passeggiata in gara 4 da parte di miami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche