Get Adobe Flash player

L’eterna sfida tra Celtics e Sixers

Julius Winfield Erving II o semplicemente ‘Doctor J’ come era soprannominato sin dai tempi dell’adolescenza l’elegante numero ‘6’ dei Philadelphia ‘sixers, davvero non immaginava la piega che avrebbe preso l’epica serie con i Celtics, che la sua squadra disputò nel playoff del1981 in7 gare dense di sudore e fatica.

Certo, Boston era una ottima squadra all’epoca, aveva fatto lo stesso impressionante 62-20 di ‘Phila’ durante la regular season , e poteva vantare grandissimi giocatori quali McHale e Parish, ed il rookie dell’anno della stagione precedente, un biondino di 2 metri e poco più con degli ottimi fondamentali, spocchioso e con un tiro letale dalla lunga distanza con il numero 33 sulla maglia, un certo Larry Bird. Tuttavia, per ‘Dr J’, la squadra verde di Boston anche se era stata in grado di sbarazzarsi dei Bulls con un semplice 4-0, era considerata un ostacolo da poco, che lui ed i suoi Sixers potevano con pochi problemi scavalcare per poi concentrarsi nella lotta al titolo. Infatti, i Sixers nella gara inaugurale della serie travolsero i Celtics a Boston manifestando tutta la loro superiorità atletica e fisica ed imponendo con assoluta forza il proprio gioco fatto di dinamismo ed eleganza. La serie si attestò velocemente sul 3-1 infavore della squadra di Erving, che sembrava di un altro livello rispetto alla squadra di Boston che più volte durante le 4 partite iniziali della serie si era trovata sulle gambe e a litigare col ferro, seppur in grado di vincere gara 3.

Nella partita cruciale della serie Boston si rifiutò di capitolare, ed alzando la testa in uno dei più epici ‘come back’ dei playoff NBA riuscì a vincere gara 5 per111 a109. Stesso discorso fu per gara6 incui Boston dopo essere andata sotto riuscì nuovamente a vincere, riportando la serie e la partita finale in casa.

In un Garden tellurico ed entusiasta i Celtics in gara 7 con 4 minuti o più da giocare alla fine del match e della serie sono nuovamente sotto, e sembra che per loro il paradiso possa attendere.

Ma Phila sbaglia ben oltre lo sbagliabile ed i Celtics con un altro epico ed eroico acuto riescono a pareggiare il punteggio. Poi è storia. Cestistica. Ma sempre storia. Bird cattura un rimbalzo sull’ennesimo attacco sbagliato dei Sixers, s’invola, prende la sospensione e con un tiro semplice appoggiando al tabellone manda la sua squadra sopra di due punti, facendo sembrare naturale quel che manderebbe in crisi di nervi molti giocatori contemporanei. La serie è le finali sono dei Boston Celtics e la leggenda di Bird è già iniziata. Qualche anno dopo Bird ed Erving saranno espulsi nel terzo quarto di un match per una rissa che lo spocchioso Bird aveva provocato ed un frustrato Erving iniziato…ma questa è un’altra storia.

 Firmato Matteo Chiocchi

5 risposte a L’eterna sfida tra Celtics e Sixers

  • Bostoniano di nascita scrive:

    Non ne fanno più di giocatori così…

  • BigRob scrive:

    la leggenda! Bird da buon agricoltore menava come un fabbro al bisogno!

  • Bostoniano di nascita scrive:

    Altro che spocchioso…

  • Bostoniano di nascita scrive:

    Larry legend era ed è un agonista…non si è mai fatto problemi nel mettere le mani addoso se lo reputava opportuno!!un duro vero…insomma..UN CELTIC…

  • Francesco Leonardi via Facebook scrive:

    bird che prende per il collo doctor J ??!!! … eppure sembrava tanto un angioletto … ahahahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche