Get Adobe Flash player

Hawks vs Celtics … si torna al Boston Garden!

Perdere la partita di un punto e non riuscire a tirare con la palla in mano a 20 secondi dalla fine. Così si è decisa la partita Boston Celtics vs Atlanta Hawks 86-87. Dopo tutti i complimenti fatti, gustamente, a Rajon Rondo post squalifica, nella quinta partita della serie mosra, come molti sostengono, i suoi limiti soprattutto nei momenti topici. Peccato per Boston e ottima notizia per Atlanta che con lo starting five tutto in doppia cifra (di punti) non smentisce la sua pericolosità offensiva.

Era il primo match point per Boston e i biacoverdi non sono riusciti a sfruttarlo, anche se ci sono andai molto vicino. Questa volta nessuno dei Big ha fatto una prova mostruosa e questa è stata, oltre che capacità difensiva degli Hawks, anche una mancanza dei Celtics. Mi spiego meglio, credo che questa squadra abbia bisogno dei suoi Big in maniera marcaa e non di un livellamento di squadra. Insomma si sa che Bass non segnerà mai 20 punti, ma si ha bisogno di almeno 20/25 punti di Pierce. E’ una squadra corta e Doc Rivers lo sa, per questa spinge i suoi uomini a giocare per i suoi migliori 4. ABoston tutti lo sanno e così è la dinamica di questi ultimi anni. Con un potenziale così gli si può dare torto?  Certo quando questo non avviene allora il punteggio rimane basso e le percentuali di vittoria diminuiscono. Se poi consideriamo che gli avversari di Boston prediligono questo, la sconfitta ci sta tutta anche se fino all’ultimo i Celtics potevano vincere.

Atlanta riesce a mettere in doppia cifra tutti i suoi 5 titolari che praticamente si giocano tutta la partita. I cambi sono stati utilizzati solo per far prendere fiato ai partenti in quintetto e questa scommessa si è rivelata vicente. Una partita sempre punto a punto con Atlanta certe volte a rincorrere, ma mai apparsa inferiore a Boston. La squadra si comporta bene e si ritrova molto equilibrata riuscendo ad ottenere un 43% da tre che gli consente di utilizzare l’arco in tutta la sua larghezza. Boston non muore mai, ma la scelta di far rimanere i 5 uomini fino alla fine premia per la continuità ma lascia sulle gambe alcuni giocatori che nei momenti topici non riescono più a difendere, vedi il tiri da 3 di Pierce ad un minuto dalla fine senza difesa che permette il ritorno di Boston. Ora gli Hawks si rigiocano tutto al Boston Garden, sicuramente più difficile ma non hanno niente da perdere, la pressione sta tutta negli altri. Consiglio, utilizzare di più la panchina, visto che ce l’hanno.

Chi vince questa serie sa che troverà contro Philadelphia o una Chicago dimezzata dagli infortuni, dunque un’occasione da non perdere per arrivare alla finale di conference.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche