Get Adobe Flash player

Harakiri Lakers e i Thunder ringraziano

Dopo la schiacciante vittoria  dei Thunder in gara 1 era lecito aspettarsi o la conferma di tale supremazia da parte dei casalinghi oppure una certa reazione da parte dei Lakers se non dal punto di vista del gioco almeno dal punto di vista dell’agonismo e dell’orgoglio che in effetti c’è stata: nella notte Lakers e Thunder hanno dato vita ad una gara vivacissima anche se dal punteggio basso. A spuntarla sono stati ancora una volta i Thunder (75-77 il punteggio finale) guidati da un Kevin Durant formato MVP che non solo ha guidato i suoi nella fase offensiva (come è lecito aspettarsi dal miglior realizzatore della lega) ma anche in fase difensiva riuscendo a contenere un Kobe Bryant troppo impreciso al tiro.

Per i tifosi di Oklahoma è stato come rivedere un film già visto: come contro i Mavs in gara 1, sotto di 7 punti con 2:08 ancora da giocare (75-68), i Thunder, grazie ad un aumento dell’attenzione in fase di difesa da parte delle loro stelle, sono andati a vincere la partita grazie ad un parziale di 9-0 che tarpa le ali ai sogni gialloviola di espugnare la Chesapeake Energy Arena e arrivare a Los Angeles con la serie in parità.

Ennesimo passaggio a vuoto negli ultimi minuti dunque per i Lakers incapaci di realizzare gli ultimi 6 possessi per quello che ora diventa un dato davvero preoccupante sulla tenuta mentale più che atletica della squadra di Mike Brown e una grandissima occasione persa dai Lakers che non sono riusciti a sfruttare una gara in cui, al ritorno in campo dopo l’intervallo lungo, i Thunder erano riusciti a sbagliare ben 20 dei loro 27 tiri presi.

La sfida dei coach è stata nettamente vinta da Brooks che, messo con alle corde dall’imprecisione dei suoi con circa 5′ ancora da giocare ha “inventato” Durant in marcatura su Bryant per sfruttarne l’apertura alare e limitare i tiri in fade-away del Black Mamba. Mossa felicissima che ha praticamente azzerato l’apporto della stessa losangelina che in questo lasso di tempo fa registrare uno 0/4 al tiro e due palle perse e il tutto sotto lo sguardo vigile (ma quando??, ndr) di un Mike Brown che una volta in più ha dimostrato di non essere un allenatore in grado di leggere (e soprattutto cambiare) il corso di una gara.

Per i Lakers buona prestazione di Gasol che chiude con una doppia doppia da 14 punti (6/11 dal campo), 11 rimbalzi e 3 assist. Bryant chiude con 20 punti (ma 9/25 al tiro e 0/6 dal perimetro) così come Bynum (8/19). World Peace mette a referto 8 punti (2/10 al tiro) mentre Sessions si ferma a soli 2 punti realizzati. Dalla panchina Blake porta alla causa 5 punti in 26′ di impiego (1/5 dal campo) e Hill 6 punti (3/4 dal campo) e 6 rimbalzi in 16′.

Nei Thunder il top performer è sicuramente di Kevin Durant che chiude la serata con 22 punti (9/15 al tiro), 7 rimbalzi, 5 assist e 2 palle rubate.  Westbrook chiude con 15 punti (5/17 dal campo), 6 rimbalzi e 4 assist mentre Harden ne mette a referto 13. Strepitoso Ibaka che pur chiudendo con soli 8 punti e 3 rimbalzi aiuta i compagni con ben 7 stoppate.

Venerdì notte gara 3 allo Staples Center di Los Angeles.

CURIOSITA’: Da segnalare l’ennesima sconfitta (11-24) per la panchina dei Lakers nei confronti dei pari ruolo della squadra avversaria.

8 risposte a Harakiri Lakers e i Thunder ringraziano

  • Più che Harakiri Lakers : Ai thunder son bastati 128″ per sbarazzarsi dei gialloviola.

  • Michele scrive:

    KD MVP!!!

  • Bostoniano di nascita scrive:

    Posto che guardando l’azione la trovo una scelta corretta…ma perchè se lo fa kobe è giusto e se lo fa LBJ( tiro affidato ad haslem dalla sua mattonella contro utah ) è un loser??

  • Danilo Scaffaro scrive:

    concordo in pieno, scelta ottima!!!!

  • Claudio Imperatore scrive:

    jordan i tiri che gli hanno fatto vincere gli anelli li ha fatti tirare a paxson o kerr.. se andate a rivedere lo svolgimento della rimessa, concorderete con me che il piano era perfetto (magari quello che bisogna capire è se era studiato da coach brown o se è stato frutto del caso) guardano tutti kobe, compreso westbrook che si scorda completamente di blake che ha tutto il tempo di tirare..
    nella serie con denver blake ha tirato con il 47 per cento da tre..

  • Bostoniano di nascita scrive:

    Ah non era BLAKE il go to guy della squadra????????LOL…
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

  • bryan scrive:

    far prendere l’ultimo tiro a Blake invece che Kobe è stata un’eresia!!!

  • Brian scrive:

    Ma Brown come coach chi lo ha scelto ? Le partite buttate via dai Lakers ormai non si contano più.visto che ora tornano a casa meglio che ci restino in modo definitivo più tosto che collezionare figuracce se ne vadano in vacanza è meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche