Get Adobe Flash player

Celtics vs 76ers: tutto è possibile, nulla è facile adesso

La serie sarà più lunga di quello che tutti dicono. Boston Celtics vs Philadelphia 76ers 81-82. Una partita controllata e governata dai Celtics anche se non prendono mai troppo vantaggio (massimo 9 punti), Alla lunga la squdra di Igoudala riesce a rosicchiare punto su punto grazie ad un contropiede a volte anche esasperato ma molto concreto. Nell’ultimo quarto Phila riesce ad essere più fredda e precisa nei momenti caldi, cosa che non avviene per i Celtics.

I Sixers affrontano questa partita in maniera diversa rispetto alla precedente, gestisce i possessi in maniera più controllata e ruota di più la palla sul perimetro e questo gli permette di innescare le proprie guardie. Questo però non li premia con molti punti, anzi, ed allora coach Doug Collins forza la mano proponendo più contropiede e velovità che poi è il marchio di fabbrica di una squadra senza centro. E questo comincia a funzionare, un terzo quarto di recupero grazie a Igoudala che sta tornando in forma e comincia a prendere la squadra per mano (13 punti, 6 rimbalzi e 7 assist). Un vero leader non c’è e questo, almeno stanotte, è apparso come un vantaggio perchè poteva essere chiunque a decidere una partita punto a punto, i Celtics non avevano un punto di riferimento da marcare e sono apparsiin difficoltà. Nel quarto quarto esce Holiday (18 punti 4/6 da tre) che spacca la partita prendendo quei 4 punti di vantaggio che hanno deciso poi la partita. Il vantaggio campo è stato conquistato, ora rimane difendere la propria casa, cosa che non appare facile ma a questi Sixers, dopo l’eliminazione di Chicago, appare tutto possibile, hanno psicologicamente conquistato una consapevolezza e una fiducia incredibile. Per loro ora tutto è possibile.

I Celtics partono bene, assist e alley hoop da parte di Rajon Rondo la fanno da padrona. Prendono un vantaggio che rimane sempre costante ma non riescono mai a creare quel distacco che li potrebbe premiare. Queto è un limite che Boston sta facendo emergere e, se vorranno vincere, lo dovranno risolvere. Garnett (15 punti 12 rimbalzi)conferma la sua solidità, Allen dalla panchina conferma che, se utilizzato bene, è un’arma pricolosissima (17 punti). Rondo distribuisce i soliti assist(13) ma rimane poco prolifico in attacco. Meglio Bass che chiude con 12 punti. Quello che manca ai Celtics è il capitano che non riesce proprio ad entrare in partita, uno strimentito scorer (7 punti con soli 2 canestri dal campo) fa di PaulPierce il problema di Boston in questa partita. Parliamoci chiaro, se tutti i campioni di Boston battono il loro colpo, per i 76ers non c’è possibilità, ma se i Celtics continuano ad esere così alterni, proponendo a sprazzi il loro talento, allora Phila potrebbe provarci. Sta tutto in mano ai biancoverdi ora che debbono recuperare.

La serie si trova sull’1 a 1 e credo che non sarà così breve la durata. Il risultato è in bilico, credo che psicologcamente la squadra di Doc Rivers debba lavorare molto su questa serie perchè la consideravano già vinta. Ora non è facile nulla.

4 risposte a Celtics vs 76ers: tutto è possibile, nulla è facile adesso

  • aaa scrive:

    Il mio è un errore di battitura, non quelli di chi scrive gli articoli… scriviamoli in italiano del 1920 allora, debbono uscire meglio! ahahah

  • Il Marchese del Grillo scrive:

    Egregio signor aaa,
    lei è una capra (come direbbe Sgarbi)…se proprio deve fare l’accademico della Crusca si vada ad informare dato che si dice STRIMINZITO (strimenzito è una forma molto meno comune e quello del redattore è un EVIDENTE errore di battitura) mentre debbono è una forma di uso comune.

    http://www.treccani.it/vocabolario/striminzito/
    http://www.treccani.it/vocabolario/dovere2/

    Sia meno spocchioso e saccente e si faccia una vita migliore se è questo il suo problema!

  • bostoniano di nascita scrive:

    mi auguro che tu sia tifoso di boston e quindi nervoso per la sconfitta….
    altrimenti figlio mio, non stai tanto bene….

  • aaa scrive:

    Si scrive devono non debbono. 100 volte ho letto quest’obrobrio. E strimzito, non strimentito. E che cavolo… l’ITAGLIANO. grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche