Get Adobe Flash player

I Lakers staccano il pass per i playoff

E’ una serata decisamente positiva per i Lakers, alla bella vittoria ottenuta con Denver (97-103, il risultato finale) si aggiunge la certezza matematica di disputare i playoff ormai prossimi. Per Denver invece, tradita dai suoi titolari, una serata da dimenticare, perché la contemporanea sconfitta casalinga di Houston con Phoenix avvicina a una sola gara di distacco i Suns che rientrano con diritto nella lotta per l’accesso ai playoff.

Assente ancora Kobe Bryant presente però in panchina con giacca e cravatta (che stia studiando da allenatore?, ndr) i Lakers sfruttano la precisione di Matt Barnes dal tiro da fuori e la strapotenza fisica di Bynum sotto le plance per scardinare i piani tattici di coach George Karl.

Pronti-via e i Lakers fanno subito male ai Nuggets che forse si lasciano un po’ sorprendere dal gioco imposto dai padroni di casa in cui Bynum diventa una sorta di regista basso (infatti, la maggior parte delle azioni sono passate per le sue mani). Al termine del primo quarto i gialloviola sono già sul +11 (19-30) un vantaggio che riusciranno a gestire per il resto della gara. Nel secondo quarto coach Karl striglia i suoi e con un accurato utilizzo dei giocatori dalla panchina riesce ad accorciare le distanze prima dell’intervallo lungo (48-54). Al rientro in campo, sugli spalti dello Staples Center si avverte un pizzico di preoccupazione per come la squadra ha chiuso il primo tempo ma i Lakers non si lasciano sorprendere ulteriormente e, all’insegna dell’equilibrio, aumentano il proprio vantaggio a 8 lunghezze (71-79). Nel quarto quarto i Lakers si trovano a comandare 87-75 con 9’25” da giocare ma non riescono a gestire il vantaggio accumulato consentendo ai Nuggets di rientrare fino al grazie ad un parziale di 15-4 con 3’38” ancora da giocare. Lo Staples Center ammutolisce ma ecco spuntare ancora chi non ti aspetti: Matt  Barnes riesce a segnare 6 punti consecutivi ristabilendo le distanze con una tripla (cui aggiunge un libero) e un tiro in sospensione (1’29” da giocare) prima di fornire a Bynum l’assist per un alley-oop da metà campo.

E’ la mazzata finale per Denver che non trova più le forze di reagire. Vincono i Lakers di Bynum & Gasol.

Per i lacustri da segnalare le ottime prestazioni di Bynum (30 punti, 8 rimbalzi, 3 stoppate) e Barnes (24 punti, 9/11 da campo, 4/4 da tre punti). Bene anche Gasol (14 punti, 10 rimbalzi) e World Peace (14 punti, 8 rimbalzi).

Per Denver bene, partendo dalla panchina, A.Miller (20 punti, 6 rimbalzi, 6 assist), Harrington (18 punti) e McGee (14 punti, 10 rimbalzi). tra i titolari si salva solo il solito Afflalo (18 punti 4 rimbalzi, 4 assist). In ombra Lawson (9 punti con 4/14 al tiro) e Gallinari (7 punti con 2/9 al tiro).

Da notare l’enorme mole di palle parse dei Lakers (22) dato che Brown non deve sottovalutare.

“Senza Kobe tutti si sentono più responsabilizzati e devono dare il massimo. Sono contento per l’obiettivo raggiunto.” – Mike Brown, head coach LA Lakers

“Vedere Kobe in panchina dare consigli ai compagni è stata una sensazione stranissima” – John Kuester, assistant coach LA Lakers

“Semplicemente sono stati superiori. Noi abbiamo regalato ampie parti della gara e contro certi rivali non te lo puoi davvero permettere.” – George Karl, head coach Denver Nuggets

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche